VEGANOK TG NEWS: online la nuova edizione settimanale

Nuova edizione della rassegna settimanale di VEGANOK TG NEWS e OSSERVATORIO VEGANOK. Ecco tutte le notizie della settimana e gli approfondimenti.

GUARDA IL VIDEO CON TUTTE LE NOTIZIE DELLA SETTIMANA:

Non tutti i prodotti che riportano in etichetta la dicitura “naturale” sono realmente naturali. Ad affermarlo è un report elaborato da SAFE (Safe Food Advocacy Europe), ONG che si occupa di sicurezza alimentare e tutela dei consumatori e con la quale VEGANOK ha collaborato per ottenere uno standard vegan condiviso a livello europeo. L’associazione mette in evidenza l’uso fuorviante di questo termine sulle etichette alimentari, anche in prodotti che contengono ingredienti di origine chimica o sintetica (e che non vengono segnalati chiaramente). Questo è possibile perché la normativa europea è vaga e generica sull’argomento, e al momento non esiste una definizione univoca del concetto di “naturale” applicato ai prodotti alimentari. Continua a leggere qui:

Claim “naturale” in etichetta: la campagna di Safe per chiedere una normativa comune in UE

Stop a qualsiasi attività all’interno degli allevamenti italiani di visoni fino a febbraio 2021: è la decisione varata in queste ore dal Ministro della Salute, Roberto Speranza, nel tentativo di arginare la diffusione del virus SARS-CoV-2 che circola in queste strutture già da mesi. In seguito al periodo di fermo, verranno effettuate valutazioni sullo stato epidemiologico per decidere il futuro di questi allevamenti e degli animali che li occupano. Di fatto, l’ordinanza modifica il “Regolamento di polizia veterinaria (D.P.R. 8 febbraio 1954, n. 320)“, andando ad aggiungere l’infezione da SARS CoV-2 nei visoni d’allevamento all’elenco delle malattie infettive. Continua a leggere qui:

Coronavirus: Speranza firma lo stop agli allevamenti di visoni fino a febbraio. Lav: “Provvedimento inutile”

Fare un passo indietro per avvicinarsi ad abitudini di consumo più consapevoli e sostenibili. Un po’ come accade per il ritorno dei detersivi alla spina, che ricalcano il modello di acquisti di qualche decennio fa, anche l’attualissimo trend dei cosmetici solidi richiama alla mente i saponi e i prodotti di bellezza dei nostri nonni. In realtà, siamo di fronte a una tipologia di prodotti innovativi e diversi dalla classica saponetta, perché formulati con ingredienti che rispondono alle specifiche esigenze di ogni parte del corpo. I cosmetici solidi stanno rivoluzionando il modo di concepire la cosmesi e sempre più aziende danno il proprio contributo alla causa con nuove referenze pensate per fare leva sul crescente interesse dei consumatori per una cosmesi sostenibile. Continua a leggere qui:

Cosmetici solidi: è boom per detergenti e saponi “zero waste”, ma quali sono i loro vantaggi?

Packaging e sostenibilità: un binomio ancora difficile, almeno secondo i dati riportati dall’Osservatorio Immagino di GS1 Italy, secondo i quali in GDO solo il 25,4% dei prodotti alimentari riporta in etichetta istruzioni dettagliate sullo smaltimento dell’imballaggio. In più, solo il 6,2% dei prodotti ha un packaging sostenibile, ovvero completamente riciclabile o biodegradabile. Una tendenza quantomeno discutibile, specialmente in un’era in cui la sostenibilità rappresenta la chiave di volta in ogni contesto produttivo e in cui il mercato alimentare non può prescindere dall’impiego responsabile dei materiali usati per imballare i prodotti. Continua a leggere qui:

Packaging: in GDO è ancora lontano dalla sostenibilità, solo il 6% è totalmente “green”

A giovedì prossimo con la rassegna settimanale.

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

  1. Grazie per tutte le notizie interessanti ogni giovedì! Appuntamento da non perdere 😉

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti