VEGANOK TG NEWS: online la nuova edizione settimanale

Nuova edizione della rassegna settimanale di VEGANOK TG NEWS e OSSERVATORIO VEGANOK. Ecco tutte le notizie della settimana e gli approfondimenti.

GUARDA IL VIDEO CON TUTTE LE NOTIZIE DELLA SETTIMANA:

Si allungano i tempi di attesa per la messa al bando delle microplastiche aggiunte intenzionalmente nei cosmetici, nei detergenti e in vari altri prodotti industriali, con la possibilità di continuare a usare le nanoplastiche. Mentre nel 2018 l’UE ne aveva annunciato l’eliminazione per legge entro il 2022, nei giorni scorsi l’Echa – l’agenzia europea dei chimici – ha allentato le misure restrittive: la data prevista per la messa al bando di queste sostanze potrebbe essere spostata al 2030.

Microplastiche: cambia il parere dell’Echa, slitta al 2030 il divieto di impiegarle nei cosmetici e nei detergenti

Maggiore attenzione alla sostenibilità, ma anche alla provenienza del cibo e al suo impatto sulla salute: questa è la fotografia delle nuove abitudini degli italiani dopo il lockdown restituita dal Rapporto Coop 2020, che come ogni anno descrive le scelte dei consumatori e le tendenze negli acquisti. Nonostante l’emergenza sanitaria in atto abbia sollevato problematiche urgenti riguardanti il lavoro, la crisi economica e le disuguaglianze, quello della sostenibilità sembrerebbe un tema ancora molto sentito dagli italiani, anche in questo momento di crisi. In generale, gli italiani si dichiarano sensibili alle tematiche “green”, che declinano in maniera differente nella propria quotidianità in base alle proprie conoscenze e sensibilità.

Rapporto Coop 2020: dopo il lockdown per gli italiani il cibo è locale, sostenibile e salutare

Il mercato dei prodotti plant-based si amplia, e dai 42 miliardi di dollari attuali potrebbe raggiungere un valore di 74,2 miliardi di dollari entro il 2027, secondo un report della piattaforma di raccolta dati Tastewise. Innanzi tutto occorre sottolineare che parliamo di alimentazione vegetale e non di scelta vegan, e quello che emerge è che il driver principale di acquisto negli USA di prodotti vegetali è la salute. I consumatori scelgono alimenti plant-based per i benefici fisici che comportano, e in particolare guidano gli acquisti la perdita di peso (in crescita del 21%), la salute intestinale (+23%) e il livello di energia (+9%). Tutti i dati riportati sono calcolati su base annua.

Cresce il mercato dei prodotti plant-based, a guidare gli acquisti sono le motivazioni legate alla salute

E proprio perché l’interesse per il consumo vegan si consolida, aumenta anche la richiesta di servizi in linea con la domanda. Si rileva un interesse crescente per la ristorazione vegetale, che punta non solo alla clientela vegan ma anche a quella fetta sempre più ampia di consumatori consapevoli e informati che pur non riconoscendosi apertamente nella filosofia vegan, scelgono il vegetale come parte di uno stile di vita più sano e meno impattante. Stanno nascendo biobar, fast food che offrono burger e street food secondo una formula plant-based, agriturismi, bistrot con proposte tradizionali rivisitate in chiave vegan o light gourmet con il menu à la carte per i pasti principali. VEGANOK offre la possibilità di accreditamento gratuito per quelle strutture che mettono a disposizione della clientela menu vegan. L’accreditamento offre molti vantaggi competitivi per quelle strutture che decidono di aderire al disciplinare VEGANOK.

Ristorazione e ricettività: l’opportunità dell’offerta vegan e dell’accreditamento VEGANOK

A giovedì prossimo con la rassegna settimanale.

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti