Stati Uniti: cresce il trend dell’alimentazione plant-based; qual è la situazione Stato per Stato?

Negli ultimi 15 anni gli USA hanno visto un crescente interesse da parte della popolazione per l’alimentazione vegetale: una situazione favorita dalla presenza massiccia di aziende che si occupano di prodotti a base vegetale ma anche da una maggiore consapevolezza da parte dei consumatori in tema di scelte alimentari.

Il numero di americani che abbracciano una dieta plant-based è aumentato di quasi 9,4 milioni negli ultimi 15 anni: a rivelarlo è un’analisi di mercato condotta dall’istituto di ricerca Ipsos Retail Performance, esaminando tramite i dati di ricerca di Google la crescita Stato per Stato del trend dell’alimentazione vegana, dal 2004 al 2019. Per farlo, l’istituto di ricerca ha fatto uso di una mappa interattiva, che dimostra come l’interesse da parte dei consumatori per le diete a base vegetale negli Stati Uniti sia cresciuto nel tempo: il grado di attenzione per questa tipologia di dieta è rappresentato tramite una scala di colori, nella quale il rosso rappresenta l’interesse minimo e il verde l’interesse massimo.

Analizzando la mappa interattiva si nota come, anno per anno, la rappresentazione degli Stati diventi via via più tendente al verde, con 9,7 milioni di americani che adottano oggi una dieta a base vegetale contro i 290 mila di 15 anni fa. Ma cosa emerge più nel dettaglio? Secondo la ricerca, lo Stato con il maggiore interesse per la scelta vegan è l’Oregon, che per 12 anni sui 15 analizzati ha mantenuto il valore di ricerche più alto. A seguire troviamo Vermont, Washington e California. Al contrario, lo Stato i cui abitanti risultano meno propensi a scegliere una dieta plant-based è il Mississippi, seguito da South Dakota, Alabama e North Dakota.

La mappa mostra l’interesse per le diete plant-based nel 2004. Fonte: Ipsos

Secondo i dati, anche le tendenze politiche influenzano la scelta o meno di un’alimentazione a base vegetale: i primi 10 Stati per tendenza verso la scelta vegan risultano tutti in gran parte popolati da elettori democratici, mentre i 10 stati “meno vegani” hanno in gran parte elettori repubblicani. In generale, quello che si nota è che gli Stati che si trovano sulla costa nord-orientale e occidentale hanno mostrato per primi un certo interesse per il veganismo. Gli altri stati ne hanno seguito l’esempio a partire dal 2013, complice un aumento della consapevolezza rispetto alle scelte alimentari, insieme a una maggiore disponibilità di prodotti vegetali alternativi alla carne nei negozi e nei ristoranti.

Stati Uniti: pionieri della scelta plant-based?

Altre ricerche sono in linea con questa, e dimostrano come la diffusione della scelta plant-based negli Stati Uniti sia capillare e in continuo aumento: secondo un sondaggio effettuato qualche mese fa, quasi la metà della popolazione sceglie alimenti a base vegetale in sostituzione a latte vaccino, carne e uova. Sono soprattutto i giovani a guidare il cambiamento, e in particolare i cosiddetti Millennials, ovvero i nati tra il 1981 e il 1997.

Una situazione favorita anche dalla presenza massiccia di aziende che si occupano di prodotti a base vegetale, accanto ai “big” delle alternative plant based ai prodotti animali: non a caso sono americane due delle aziende che producono i 3 buger vegetali che stanno cambiando il mondo. Sì, perché gli Stati Uniti possono contare sulla presenza di start up e grandi investitori in grado di sviluppare nuovi prodotti ad altissimo contenuto tecnologico tanto che, secondo le previsioni, dal 2020 gli USA daranno il via libera alla carne coltivata. Il settore delle alternative vegetali è quindi fiorente, anche dal punto di vista lavorativo: l’industria alimentare che si occupa di questi prodotti ha creato 55.634 posti di lavoro ad alto salario negli Stati Uniti, secondo i dati rilasciati dal gruppo commerciale Plant Based Foods Association (PBFA). In media, i posti di lavoro nel settore sono più alti e toccano quota $ 59.300, circa $ 12.500 in più rispetto al reddito americano medio.

In questo contesto è evidente come anche per le aziende “tradizionali” il cambiamento sia inevitabile: da una parte abbiamo esempi di conversione della produzione – ormai un business consolidato – come la Giacomazzi Diary, il più antico caseificio della California che ha abbandonato la produzione di latte vaccino per avviare un nuovo business basato sulla coltivazione di mandorle. D’altra parte ci sono anche aziende come la Dean Foods, il più grande produttore di latte americano, costrette a dichiarare fallimento: di fronte a un calo vertiginoso della domanda dei propri prodotti, il gigante del latte ha visto in suoi profitti crollare e ha dovuto chiudere i battenti.

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

  1. Avatar

    E speriamo che questa nuova generazione di americani davvero mantenga queste promesse

    Reply
  2. La scelta di alimenti vegetali per la propria alimentazione è la scelta del futuro.

    Reply
  3. Anche da noi, seppure molto lentamente, i consumi stanno cambiando 💪🏻

    Reply
  4. Avatar

    Certo che se cambia l’America i numeri del cambiamento diventano enormi

    Reply
  5. Avatar
    Erica Congiu 17 Marzo 2020, 17:11

    La rivoluzione plant based americana potrà sicuramente alleggerire i costi della sanità, un problema non da poco per uno stato che decisamente non eccelle da questo punto di vista

    Reply
  6. Sarà una crescita continua a livello mondiale, ne sono certo. Se l’umanità vuole procedere serena nella vita deve imparare a rispetta Madre Terra e gli esseri viventi che ospita. Perché ricordiamo che è nella possibilità di scelta che noi facciamo la differenza nel mondo animale. E scegliere il bene è la soluzione giusta.

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti