Spot ingannevole sul prosciutto cotto: il caso Rovagnati

Il prosciutto cotto non può essere definito come “fondamentale” nell’alimentazione: così si è pronunciato l’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria (IAP).

“Crescere – Gran Biscotto”: è questo il nome della campagna pubblicitaria promossa da Rovagnati sul sito web aziendale in collaborazione con la Società Italiana di Pediatria. All’interno della pagina dedicata, la campagna volta a promuovere il consumo di prosciutto cotto, si apre con questo claim:

“Il prosciutto cotto è fondamentale nell’alimentazione dei bambini dalla prima infanzia all’adolescenza.”

La LAV ha segnalato la campagna e ha ottenuto l’intervento dell’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria (IAP) che si è pronunciato in merito e ha fatto rimuovere la pagina web dal sito di Rovagnati.

Su quale base la pubblicità in questione è stata dichiarata inopportuna?

Il linguaggio utilizzato all’interno del claim ha giocato un ruolo fondamentale. In particolare la definizione di “fondamentale” riferita al prosciutto cotto pubblicizzato, è stata indicata come impropria. L’organismo di regolamentazione pubblicitaria ha quindi invitato l’azienda a modificare il messaggio.

Rovagnati ha oscurato la pagina interrompendo di fatto la campagna in corso.

Campagna pubblcitaria Rovagnati. Fonte: www.lav.it

Nel messaggio pubblicitario si affermava inoltre che “i pediatri lo consigliano sin dallo svezzamento, a partire dagli 8 mesi”.

Pubblicità ingannevole e disinformazione. Molte sono le campagne simili a questa, che in passato sono state segnalate per per l’uso improprio di un linguaggio che descrive, in maniera non veritiera, proprietà benefiche di determinati cibi: è il caso di prodotti di derivazione animale come carne o latte e lo scopo è sempre quello di lasciar intendere come indispensabile, il loro consumo.

“Siamo molto soddisfatti di questa ennesima pronuncia del Comitato di Controllo dell’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria, che conferma i precedenti analoghi interventi, sempre disposti su nostra segnalazione: gli alimenti di origine animale non sono né fondamentali né indispensabili. In questo caso era stato usato il termine ‘fondamentale’, ma con l’aggravante del messaggio riferito a bambini e adolescenti!” afferma Gianluca Felicetti, Presidente LAV.

Bambini e adolescenti sono il target di riferimento di molte aziende produttrici di prosciutto cotto e di prodotti processati che lo contengono. È un alimento molto presente nelle mense scolastiche perchè, nell’ambito dei salumi, è ritenuto tra i migliori per il basso contenuto di sale. Ma è davvero cosi?

Basandoci su fatti oggettivi e dati facilmente reperibili, ricordiamo che l‘Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) ha inserito la carne rossa e lavorata, i salumi e gli insaccati nella lista delle sostanze che potenzialmente possono causare il cancro.

I nitriti, additivi noti come E250 (Nitrito di sodio), vengono aggiunti nella fase di lavorazione del prosciutto cotto come conservanti: conferiscono sapore e rendono rosea la carne che altrimenti, privata di questo additivo, avrebbe un colore molto meno invitante.

La IARC organo dell’ OMS Organizzazione Mondiale della Sanità, ha classificato i nitrati e i nitriti ingeriti, come probabilmente cancerogeni per gli esseri umani (Gruppo 2A).

Ecco la definizione e l’approfondimento reperibile dalla fonte www.biodizionario.it in merito all’ E250:

“I nitrati e i nitriti sono convertiti, dall’organismo che li consuma insieme al prodotto, in nitrosoamine, risultate spesso implicate nei processi potenzialmente cancerogeni. Nei lattanti e nei bambini piccoli può indurre metaemoglobinemia (danni ai globuli rossi).”

A fronte di informazioni scientifiche tanto precise e puntuali, risulta chiaro come non sia assolutamente possibile accostare aggettivi come “fondamentale” o “indispensabile” a prodotti come il prosciutto cotto  (e salumi in genere) specie in riferimento alla corretta alimentazione in età pediatrica e nel periodo di svezzamento.

A tal proposito, proponiamo il dibattito che si è tenuto a Lucca, ad Aprile 2018, in occasione del VeganFest:

“Alimentazione pediatrica e Svezzamento Vegan, tavola rotonda a cura dei membri del Comitato Scientifico di Assovegan – Associazione Vegani Italiani Onlus: con il Prof. Leonardo Pinelli, professore associato di Pediatria dell’Università di Verona, la Dott.ssa Erica Congiu, biologo nutrizionista responsabile del progetto www.biodizionario.it e la Dott.ssa Rachele Bagnoli, mamma vegan e igienista dentale

  1. Wegognosa la partecipazione della Società Italiana di Pediatria a questo scempio scientifico e culturale.
    Possibile che loro non siano stati sanzionati?
    Sarebbe interessante capire se c’è stato un passaggio di denaro tra Rovagnati e Società Italiana di Pediatria. In tal caso, avrebbero venduto false dichiarazioni per denaro. Davvero edificante per una società che afferma di rappresentare la classe pediatrica. Chi è il Presidente di tale società?

    Reply
    • Si tratta davvero di un connubio fuori da ogni logica scientifica ed etica. Non ci risultano sanzioni per la Società Italiana di Pediatria: il presidente attualmente in carica, Alberto Villani, non ha rilasciato dichiarazioni in merito. Pubblicheremo aggiornamenti nel caso in cui ci fossero delle news.

      Reply
  2. Resta un fatto scandaloso (e offensivo verso i veri pediatri) che questa “società” si presti ad ufficializzare dichiarazioni false per motivi commerciali.
    Mi domando se tutti i pediatri che ne fanno parte sono stati coinvolti in questa operazione commerciale o lo scempio è stato fatto a loro insaputa. E se davvero così fosse, dovrebbero prendere posizione e condannare quest spregevole iniziativa.

    Reply
  3. è terrificante! poi ci ritroveremo i bambini obesi e con il diabete mellito a 10 anni! sono da arrestare!

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti