Salmone KV Nordic: richiamo per rischio microbiologico

Nuova segnalazione di richiamo in merito di sicurezza alimentare diramata dal Ministero della Salute.

l Ministero della Salute ha diffuso il richiamo per Salmone affumicato 50g KV Nordic.

I prodotti sono venduti in singole unità da 50gr con codice ean a barre 8000003000405. I lotto coinvolto nel ritiro è 801252 con scadenza 16/08/2018 e 23/08/2018.

Motivo della segnalazione: Richiamo per rischio microbiologico.
Prodotto non conforme per possibile presenza di listeria monocytogenes.

Modello di richiamo_documentazione

A titolo cautelativo, l’azienda, invita la clientela in possesso delle confezioni che in etichetta riportano le informazioni di lotto e scadenza evidenziate, a rendere al punto vendita il prodotto.

Per ulteriori informazioni, la Eurofood Spa invita a contattare il numero del servizio Assistenza Clienti al seguente numero: 02/44876.

Che cos’è la Listeria Monocytogenes?

Listeria è una famiglia di batteri che comprende dieci specie. Una di queste, Listeria monocytogenes, causa la “listeriosi”che colpisce l’uomo e gli animali. Gli alimenti pronti al consumo come pesce affumicatoaffettati, formaggi molli e prodotti surgelati sono spesso all’origine delle infezioni da Listeria, poiché la lunga durata di conservazione favorisce la proliferazione batterica. Si tratta di un fattore importante, perché questi alimenti sono di solito consumati senza ulteriore cottura.

A differenza di molti altri batteri di origine alimentare, tollera gli ambienti salati e le basse temperature (tra +2 °C e 4 °C)

Le persone più sensibili alle infezioni da Listeria sono gli anziani, le donne in gravidanza, i neonati e le persone con deficit del sistema immunitario, in particolare individui sopra i 75 anni di età e donne tra i 25 e i 44 anni: è questa una delle principali conclusioni di un parere scientifico riguardante il periodo 2008-2015 sui rischi per la salute pubblica derivanti dal consumo di alimenti pronti contaminati. I sintomi della listeriosi umana variano: da lievi sintomi similinfluenzali, come nausea, vomito e diarrea, a infezioni più gravi, quali meningite e altre complicanze potenzialmente letali (fonte EFSA).

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) raccoglie e analizza i dati a livello UE sulla presenza di Listeria monocytogenes nella filiera alimentare. Sul sito web ufficiale sono reperibili schede informative con i dati delle ricerche condotte nel tempo a livello europeo dall’organo competente da cui emergono questi dati:

Nel 2012, nell’Unione europea sono stati segnalati circa 1640 casi di listeriosi nell’uomo, con un tasso di mortalità del 17,8 %.

Il batterio Listeria monocytogenes è stato rinvenuto nel 10,3 % dei campioni di prodotti della pesca, nel 2,1 % di quelli di prodotti a base di carne trattati termicamente e nello 0,5 % dei campioni di formaggio molle e semi-molle prelevati da supermercati e negozi in tutta l’UE: è quanto emerge dall’analisi EFSA di un’indagine di riferimento a livello UE.

 

 

  1. Mangia mangia il salmone! Ma io dico no, possibile che ancora la gente sia così scema? Eppure ogni giorno arrivano notizie del genere. La cosa che spaventa di più, è il fatto che genitori comprino sta roba ai figli! L’ignoranza è devastante e a rimetterci sono sempre i più piccoli.

    Reply
    • Molti non sanno, perché, appunto, ignorano!
      Io metterei dei cartelli informativi a caratteri cubitali nei supermercati!

      Reply
  2. Io sono vegano quindi non consumo questa roba però mi pare una di quelle marche parecchio conosciute… Ci vuole coraggio con tutto quello che si sa sull’inquinamento dei mari, il mercurio nei pesci, a consumare pesce in busta. Poi il risultato eccolo qua: una bella sorpresina batteriologica

    Reply
  3. Grazie per questo servizio prezioso di informazione sui richiami alimentari. Ma sapete quante ne ho mangiate io di bruschette salmone, caprino ed erba cipollina quando ero onnivora? Quando leggo di questi richiami, rabbrividisco.

    Reply
  4. Beh siamo sempre alle solite con povere creature ..

    Reply
  5. Ma dico io veramente c’è gente che mangia ancora questa roba…

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti