SAFE: firmate la petizione per la rimozione del colorante E171

Il biossido di titanio è presente nelle creme solari, nelle caramelle, nei confetti e nelle decorazioni per alimenti. A seguito di un parere negativo dell’Anses (agenzia francese per la sicurezza sanitaria dell’alimentazione, dell’ambiente e del lavoro) il governo francese ha deciso di mettere al bando l’E171 a partire dal 1 gennaio 2020. Firma la petizione di SAFE per chiedere l’estensione del divieto in tutta la UE.

Nelle ultime settimane sono apparsi sulle maggiori testate a carattere divulgativo, numerosi articoli riguardante l’additivo E171, Biossido di titanio, un pigmento usato per conferire un effetto opaco e un fondo di colore bianco, comunemente presente in caramelle, dolciumi, salse, ma anche cosmetici e farmaci. L’attenzione è stata richiamata grazie alla decisione, da parte del governo francese, di mettere al bando questo additivo a partire dal 1 gennaio 2020. Decisivo per questo stop, il parere negativo diffuso dall’Anses, agenzia francese per la sicurezza sanitaria dell’alimentazione, dell’ambiente e del lavoro, sulla base di studi tossicologici (25 studi pubblicati a partire dal 2017).

Floriana Cimmarusti Segretario Generale di Safe Food Advocacy Europe (SAFE), un’organizzazione senza scopo di lucro con sede a Bruxelles sta promuovendo una campagna di sensibilizzazione sul tema.

Dice la Sig.ra Cimmarusti:

“Vorremmo chiedere il vostro sostegno perché stiamo facendo una campagna per sollecitare gli esperti della CE e degli Stati membri a sostenere il divieto francese sul colorante bianco pericoloso E171.

Abbiamo prodotto un video e una petizione per sostenere il divieto francese. Vi invitiamo a firmarlo, condividerlo e diffonderlo. I gruppi SAFE e della società civile in tutta Europa ritengono che questa sia una questione cruciale non solo per sostenere la salute dei consumatori dell’UE, ma anche per garantire la trasparenza del processo decisionale relativo agli additivi a livello dell’UE. Sarebbe molto utile promuovere questa campagna per informare l’opinione pubblica sui pericoli che potrebbero risiedere nel loro cibo.”

Floriana Cimmarusti
Segretario Generale di SAFE”

A questo link, il video informativo sull’additivo:

Firma qui la petizione:

Stop putting harmful additives in our food – Support the removal of white colourant E171 (Traduzione: Stop agli  additivi dannosi nei nostri alimenti – Supporta la rimozione del colorante bianco E171)

Testo della petizione:

Una serie di importanti incontri europei deciderà il destino del colorante alimentare bianco E171. Tuttavia, i gruppi della società civile in Europa sollevano interrogativi su un nuovo studio di settore pubblicato di recente che potrebbe ribaltare la situazione a favore dei gruppi di pressione del settore su questo importante problema. Esortiamo la Commissione europea e gli esperti nazionali a sostenere il divieto francese sull’E171, basato sulla forte competenza già riunita dall’agenzia francese per la sicurezza alimentare (ANSES) e sull’importante numero di studi indipendenti già pubblicati. Poiché tutti gli europei meritano lo stesso livello elevato di protezione, chiediamo ai decisori europei di estendere la misura francese in tutta l’UE.

L’E171 è una miscela di particelle di TiO2 che possono essere definite come nanoparticelle. A causa delle loro dimensioni estremamente ridotte, le nanoparticelle possono passare attraverso le barriere protettive naturali del corpo umano e arrivare al fegato, nei polmoni o nell’intero sistema digestivo. Secondo il diritto dell’UE, un additivo alimentare può essere autorizzato se non rappresenta un problema di sicurezza per la salute dei consumatori, se è tecnologicamente necessario e se non induce in errore i consumatori. Tuttavia, E171 non ha scopi tecnologici e viene utilizzato solo per motivi estetici.

Le incertezze scientifiche circondano questo additivo e ne impediscono la completa valutazione del rischio. I francesi hanno espresso preoccupazione per la tossicità dell’E171 e hanno deciso di vietare i prodotti contenenti E171 a partire dal 1 ° gennaio 2020. Questo principio di precauzione dovrebbe applicarsi anche a tutta l’UE e la sostanza dovrebbe essere rimossa dall’elenco UE degli additivi alimentari consentiti.

In una lettera aperta al vicepresidente della Commissione europea Jyrki Kaitanen inviata il 3 maggio 2019, più di 36 ONG europee e nazionali hanno appoggiato il divieto francese sull’E171. Nonostante le numerose richieste di estensione della misura francese all’intera Unione europea, la Commissione europea e gli esperti degli Stati membri continuano a sostenere che dovrebbe prevalere una legislazione europea armonizzata; la decisione di annullare o estendere il divieto francese si baserà su un parere dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA).

L’ultimo parere dell’EFSA ha messo in luce incertezze e lacune, chiedendo più dati; L’EFSA e un certo numero di Stati membri hanno atteso i risultati di uno studio specifico sull’E171 al fine di finalizzare il loro parere. È stato recentemente pubblicato e concluso che E171 non provoca effetti avversi sulla salute umana. Si rileva però che questo studio ha ricevuto supporto finanziario da tre gruppi di lobby del settore – la Grocery Manufacturers Association (GMA), la Titanium Dioxide Manufacturers Association (TDMA) e l’International Association of Color Manufacturers (IACM) – che hanno tutti importanti interessi commerciali nel risultato della decisione in gioco – il loro coinvolgimento nelle attività di lobbying attorno alla questione è stato recentemente messo in evidenza dall’Osservatorio Corporate Europe (CEO) in un rapporto.

Per maggiori informazioni:
Safe Food Advocacy Europe[email protected], +32 2 893 10 58

  1. Avatar

    Firmato e condiviso 💪💪💪

    Reply
  2. Firmato !
    Occorre ribellarci pacificamente, quindi con sistemi come le petizioni , a quanto sino ad ora ci è stato propinato che a nostra insaputa, è assolutamente nocivo
    Siamo sempre dalla parte della trasparenza e della libertà di scelta che puntano al miglioramento della nostra vita , della nostra salute e della salute del pianeta !

    Reply
  3. Una causa assolutamente importante, basta additivi il cui effetto sulla salute è incerto!

    Reply
  4. Avatar

    Non è il biossido di titanio il vero problema. Il problema serio è la sua forma nanoparticellare. Ci sono evidenze di tumori nel personale addetto alla produzione e manipolazione del TiO2 nanoparticellare. Le creme solari che lasciano la pelle bianca non sono pericolose, cioè il TiO2 con la molecola di dimensioni normali non è dannosa. Così come non sono dannose le glasse bianche negli alimenti. TiO2 in nanoparticella risulta incolore e interessa molto alle aziende del packaging perchè riescono ad avere una protezione del contenuto dai raggi solari mantenendo la confezione trasparente (un bel vantaggio) e alle aziende che producono rivestimenti di padelle e pentole antiaderenti, oltre a vernici e protettivi vari. Attenzione TiO2 può diventare l’amianto del XXI secolo. Per esempio residui di TiO2 nanoparticellare nell’acqua dei fiumi rappresentano un pericolo enorme perchè rendono la superficie non attraversabile dai raggi solari. Terribile ma bisogna ben distinguere tra nanoparticella e molecola di dimensioni naturali.

    Reply
  5. Avatar
    giorgio chiodi 25 Settembre 2019, 9:49

    Da vent’anni seguo una dieta eminentemente vegan/vegetariana, evitando i prodotti industriali e da forno belli a vedere e gustosi al palato ma inquinati da numerose sostanze chimiche aggiunte per conservare, per guarnire, per ingannare per abbellire ecc alimentandomi con prodotti semplici, naturali, vegetali, biologici ecc…Se a volte il gusto è diverso dalle PORCATE che ci propinano, la mia salute è al massimo, avendo tra l’altro vinto la mia battaglia con un grave diabete.
    Non possiamo e non dobbiamo fidarci della cosiddetta scienza che avalla teorie pericolose che portano alla degenerazione i nostri tessuti!
    La mia esperienza diretta è riportata sui miei libri :
    -La vera prevenzione- editore Phasar
    -vincere il diabete…si può-editore Phasar
    Giorgio Chiodi

    Reply
  6. Ma via! Via tutto ciò che una volta scoperto fare male è il caso di mettere al bando!!!

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti