Spesa sostenibile: di cosa si tratta?

Le vendite di prodotti sostenibili crescono. Solo negli Stati Uniti, un’indagine Nielsen ha rilevato che, i consumatori con un’attenzione all’acquisto ponderato spenderanno fino a 150 miliardi di dollari in beni di largo consumo (FMCG) entro il 2021. Ma chi è il consumatore sostenibile? Che volto e che abitudini ha? I sustainable shoppers tendono ad essere giovani con abitudini in transizione, ben istruiti; vivono in contesti urbani. Le aziende possono utilizzare questa visione di alto livello per inquadrare le esigenze e le richieste nell’ambito di questo trend al consumo.

Le vendite di prodotti sostenibili crescono. Solo negli Stati Uniti, un’indagine Nielsen ha rilevato che, i consumatori con un’attenzione all’acquisto ponderato spenderanno fino a 150 miliardi di dollari in beni di largo consumo (FMCG) entro il 2021.

Ma ciò che significa sostenibilità per gli individui diventa sempre più complesso. Man mano che i consumatori diventano più informati si stanno interessando maggiormente al fattori come:

  • il modo in cui i prodotti vengono fabbricati,
  • le modalità con cui le aziende trattano i loro lavoratori e
  • ad una serie di altre aree di interesse reale legate alla sostenibilità.

Per vincere, le aziende devono capire chi è il consumatore consapevole, il suo stile di vita, le sue aspettative e come questi elementi, siano in grado di influenzare abitudini e preferenze di acquisto negli anni a venire.

Gli attributi di sostenibilità spaziano da termini complessi come “Terracycle certified” al generale “Ethical”. La ricerca mostra che i consumatori valutano la sostenibilità attraverso la lente di un concetto: “Healthy for Me and Healthy for We” (Sano per me e sano per noi) e la usano per prendere decisioni di acquisto per le loro famiglie e per valutare quali prodotti o marchi si allineano con i loro valori. La maggioranza (73%) dei consumatori afferma che cambierebbe definitivamente o probabilmente le proprie abitudini di consumo per ridurre il loro impatto sull’ambiente.

I quadranti sono: Convenienza, Capacità di spesa, Prezzo e Consapevolezza. L”‘Healthy for me” include prodotti a basso regime di grassi, poveri di sodio, altamente proteici e gluten free. L'”Healthy for the world” invece include concetti come cruelty free, eco friendly, riciclabile e carbon free. L’intersezione di questi due insiemi genera il ritratto di prodotti con queste caratteristiche: BIO, NATURALI, OGM FREE, SENZA INGREDIENTI ARTIFICIALI, SENZA PARABENI (cosmesi)

Secondo una recente ricerca, i ” sustainable shopper” (consumatori consapevoli) negli Stati Uniti tendono ad essere giovani con abitudini in transizione, ben istruiti che vivono in famiglie non numerose e vivono in contesti urbani. Le aziende possono utilizzare questa visione di alto livello per inquadrare le esigenze e le richieste del consumatore tipico sostenibile.

Traduzione degli elementi che compaiono nell’infografica: Chi è il consumatore sostenibile? Vive in città prospere e in contesti urbani; ha una buona istruzione ed è un giovane con abitudini in transizione; vive in abitazioni più piccole in coppia o in famiglie con figli sotto ai 6 anni Ha un reddito di oltre 100k dollari.

“La stratificazione di dati aggiuntivi dei consumatori, da rivenditori o produttori o da terze parti, può contribuire ad arricchire i profili di segmentazione che offrono una visione dettagliata ma strategica di chi è il consumatore sostenibile. Stanno cercando tratti di sostenibilità specifici? Oppure sono acquirenti sostenibili solo occasionalmente? “Afferma Sarah Schmansky, Vicepresidente, Nielsen per la crescita e la strategia di Fresh / Health and Wellness.

Quando si tratta di comprendere la sostenibilità, è fondamentale che le aziende guardino alle motivazioni dei consumatori, o ai dati psicografici, sulla sostenibilità e le colleghino al loro attuale comportamento d’acquisto.

In breve, i consumatori stanno comprando ciò che dicono di voler comprare?

La risposta è si. Oggi più della metà (64%) delle famiglie statunitensi acquista prodotti sostenibili, in aumento di quattro punti percentuali rispetto a un anno fa. Mentre la maggior parte di queste vendite si concentra in città costiere come Boston e Portland, in Oregon, la tendenza della sostenibilità si sta facendo strada nel cuore dell’America. Le città emergenti per la sostenibilità e la crescita del Millennio comprendono Salt Lake City e Kansas City.

Traduzione degli elementi nell’infografica: I consumatori sostenibili appartengono al mondo digitale. I consumatori che seguono uno stile di vita legato a salute&sostenibilità hanno il 67% in più di possibilità di essere più coinvolti nell’ambito digitale. Inoltre: Il 22% è probabile che acquisti attraverso un dispositivo mobile; l’11% è più probabile che acquisti online piuttosto che in un negozio fisico; il 12% è più probabile che utilizzi un dispositivo mobile quando si trova presso il negozio fisico.

Una volta che i marchi e i rivenditori sanno dove sono gli acquirenti sostenibili, hanno bisogno di sapere come coinvolgerli. I dati demografici di Nielsen mostrano che i consumatori sostenibili hanno maggiori probabilità di essere coinvolti digitalmente, poiché utilizzano prontamente i loro dispositivi per setacciare la miriade di informazioni disponibili al momento di prendere decisioni di acquisto. I consumatori con una mentalità e uno stile di vita incentrati su salute e sostenibilità hanno il 67% di probabilità in più di essere coinvolti sul web, e sono anche più propensi ad acquistare online (11%), su un dispositivo portatile (22%) e utilizzare i loro dispositivi quando fare acquisti in negozio (12%).

“Coloro che sono coinvolti nel mondo digitale si rivolgono ai loro dispositivi per cercare prodotti che rispondano al profilo di ‘ciò che è salutare per me e per il mondo’ al fine di aiutarli ad acquistare prodotti che favoriscono le loro convinzioni ed evitare prodotti che non lo fanno. È chiaro che investire in una strategia digitale per coinvolgere questi consumatori farà una grande differenza in quanto il tuo messaggio di sostenibilità risuona e rompe la confusione”. ha detto Julia Wilson, Vicepresidente , Responsabilità globale e sostenibilità. “

Fonte dell’indagine: NIELSEN U.S.

  1. Bellissimo articolo, analisi MOOOLTO interessante
    🙂

    Reply
  2. Articolo molto interessante! Attendiamo con ansia che il motto “Healthy for Me and Healthy for We” diventi il motto per gli acquisti consapevoli di tutti 😉

    Reply
  3. Vuoi vedere che davvero prima o poi il mondo da qualche parte si sta svegliando ?
    Adesso ci vuole davvero un cambiamento immediato dinrotta nei confronti del consumo del “ non cibo “ ovvero di povere vite.
    Occorre al più presto chiudere allevamenti ! Rispetto Per la vita di ogni creatura e per il Pianeta !
    Il tempo corre e di tempo già non ne abbiamo più !

    Reply
  4. Bellissimo articolo complimenti Laura!
    Speriamo nelle nuove generazioni anche in Italia!!!

    Reply
  5. Tutti dovrebbero iniziare ad acquistare in modo consapevole e più sostenibile per il pianeta. L’usa e getta ci sta’ seppellendo dalla plastica.

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti