Ristorazione in tempo di Covid: clienti soddisfatti delle norme di sicurezza anti-contagio

Anche se molte persone evitano di mangiare fuori casa per paura del contagio o perché le nuove abitudini lavorative lo impediscono, in generale la clientela si dichiara soddisfatta della gestione dell’emergenza sanitaria da parte di bar e ristoranti: lo afferma il 92% degli intervistati in un’indagine condotta da Format Research.

Dopo il lockdown, la ripresa delle attività ha richiesto l’attivazione di norme sanitarie senza precedenti: in ambito ristorazione, i 9 clienti su 10 sono soddisfatti delle misure anti Covid messe in atto dagli esercenti. A rivelarlo è un’indagine condotta da Format Research e diffusa da FIPE (Federazione Italiana Pubblici Esercizi), secondo la quale il 92% degli intervistati considera “molto o abbastanza soddisfacente” la gestione delle misure di sicurezza da parte dei locali. Ed è proprio il senso di sicurezza dato dal rispetto delle norme igieniche ad attrarre il 47,4% dei consumatori in un locale, mentre per il 35,2% è il distanziamento dei tavoli a fare la differenza; la presenza di tavoli all’aperto è determinante per il 34% dei clienti, e l’attenzione al numero di persone all’interno del locale per il 20%.

Non tutti, però, sono tornati a godersi un pasto fuori casa in questo periodo di emergenza: ben il 66,5% delle persone evita bar e ristoranti per la paura del contagio, mentre il 41,5% degli intervistati mal sopporta le regole di distanziamento e sceglie di non accedere a questa tipologia di locali. Non manca chi abbia dovuto rinunciare al pasto fuori casa per un cambio nelle abitudini lavorative: il 35% degli intervistati lavora ormai in smart working e mangia a casa.

Bar e ristoranti sono luoghi sicuri sia per i clienti che per i lavoratori – dichiara la FIPE  – Al netto di un leggero e fisiologico aumento dell’incidenza dei casi nel settore del turismo dovuto ad effetti stagionali le attività di ristorazione restano tra i luoghi più sicuri. Distanziamento tra i tavoli, mascherine al personale, accessi differenziati per i clienti in entrata e quelli in uscita, monitoraggio quotidiano delle condizioni di salute dei dipendenti, pulizia e sanificazione dei locali e gel igienizzante a disposizione di tutti, sono solo alcune delle rigide regole che tutti gli esercenti stanno seguendo e devono necessariamente continuare a rispettare per lavorare in sicurezza“.

Ristorazione: le linee guida per la ripresa

Durante questo periodo di crisi e lockdown molti ristoratori hanno temporaneamente puntato sul servizio di consegna a domicilio, ma per molti è arrivata l’ora di riaprire i battenti, con non poche difficoltà. In tutti i Paesi, le misure specifiche per la ristorazione impongono un limite massimo di capienza predeterminato, che per molti operatori comporta la necessità di ridurre anche di un terzo i posti tavolo, poiché è necessario triplicare lo spazio per cliente, al fine di garantire il necessario distanziamento sociale.

Scarica il documento redatto dalla dottoressa Paola Cane, esperta in sicurezza alimentare e gestione delle crisi, e dalla dottoressa Jocelyn Lee Lion (USA), realizzato col contributo di un team internazionale, sulla base delle indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e delle linee guida dettate da Commissione Europea, CDC e Autorità sanitarie nazionali Europee e Nord Americane. Troverai tutte le indicazioni operative specifiche del settore della ristorazione a tutela della sicurezza degli operatori e degli avventori.

Download gratuito: “Covid-19 Ristorazione – Linee guida e best practice per la ripartenza”

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti