Ristorazione: crollo dei consumi fuori casa. Il quadro della situazione

Più di 2 italiani su 3 non hanno ancora consumato un pasto fuori casa. Paura del contagio e restrizioni le cause principali

Il Centro Studi di Fipe-Confcommercio ha pubblicato i dati di una indagine svolta per monitorare l’andamento del settore ristorazione e per analizzare le cause del drastico calo di consumi che ha colpito in maniera drammatica il comparto dei pubblici esercizi. Ciò che emerge è infatti uno scenario poco incoraggiante: sono pochi infatti gli italiani tornati al bar per fare colazione o al ristorante per i pasti.

Il 72% non ha ancora mai fatto colazione al bar, il 67,9% un pranzo fuori casa e il 69,4% una cena. La ragione principale che induce a non consumare fuori casa è il timore del contagio: Il covid-19 fa ancora paura per ben il 66,5% degli intervistati. Tra le altre motivazioni che fanno da deterrente ai consumi fuori casa ci sono anche le diverse disposizioni di sicurezza che rendono meno godibile l’esperienza al ristorante (41,5%). Per i lavoratori, l’adozione dello smart working ha di fatto quasi azzerato le occasioni di consumo della colazione, della pausa caffè e del pranzo.

Chi decide di andare al ristorante o al bar è anzitutto attento alle misure di sicurezza sanitaria (47,4%) e al distanziamento tra i tavoli (35,2%). Grande importanza viene data alla presenza di tavoli all’aperto non solo per le ovvie ragioni collegate alla stagione ma anche per una maggiore percezione di sicurezza (34%). In ogni caso il 92,2% degli intervistati ritiene che l’osservanza delle disposizioni di sicurezza da parte degli esercenti sia molto o abbastanza soddisfacente.

La convivialità resta al centro dell’esperienza per il 45,5% degli intervistati, che si passi del tempo con la propria famiglia o con gli amici (45,5%), mentre quasi 1 su 3 si dichiara contento per il fatto stesso di essere tornato a mangiare fuori casa (29,1%). Sotto questo profilo il consumo si fa più intimo e si tendono a privilegiare i luoghi conosciuti e già frequentati in passato. Si esprime così quasi il 90% degli intervistati.

Lino Enrico Stoppani, Presidente di Fipe-Confcommercio commenta così i dati:

“I dati ci restituiscono la fotografia di un settore in grande sofferenza. È indispensabile mettere in campo strumenti che stimolino la domanda con l’obiettivo di compensare le pesanti perdite determinate dalla mancanza di turismo internazionale e dal perdurare dello smart working. Al riguardo guardiamo con grande attenzione a quello che il Governo intende mettere a punto nel decreto di agosto. Lo stanziamento di un fondo finalizzato a rimborsare una quota parte della spesa al ristorante sarebbe certamente un provvedimento che va nella giusta direzione, ma sono altrettanto urgenti ulteriori misure per il contenimento dei costi a cominciare da quelli del lavoro e dei canoni di locazione, magari attraverso l’introduzione della cedolare secca sugli affitti”.

Anche Ismea conferma il crollo e lo quantifica al 40%. Secondo elaborazioni Coldiretti su dati Ismea, la ristorazione italiana rischia un crack da 34 miliardi nel 2020 a causa della crisi economica, del crollo del turismo e del drastico ridimensionamento dei consumi fuori casa provocati dall’emergenza coronavirus.

Smart working e ristorazione collettiva: grandi perdite per il settore.

La Ristorazione Collettiva arranca e il calo drastico dei consumi è legato ai cambiamenti della vita lavorativa della maggior parte degli italiani. Il Sole 24 ore ha pubblicato i dati dell‘Osservatorio della Ristorazione Collettiva e Nutrizione proponendo una fotografia dell’andamento del settore.

Il settore – assieme all’horeca (bar e ristoranti) – ha subito l’impatto più drammatico del coronavirus. La ristorazione collettiva ha perso il 67% di fatturato complessivo tra marzo e aprile e una parte del mese di maggio. La perdita ammonta a circa 810 milioni di euro. L’aspetto determinante è il permanere dello smart working. Lo scenario futuro è molto incerto: nella migliore delle ipotesi si prevede una perdita dei ricavi del 34%, una caduta di oltre un terzo rispetto ai dati relativi al 2019: dai 4 miliardi del 2019 a poco più di 2,7 miliardi nel 2020.

 

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti