Quali sono i trend emergenti nel “free from”?

Il “senza” in Italia genera un fatturato di 6,8 miliardi di euro, ossia oltre il 26% del sell-out dei 71.723 prodotti food venduti in GDO e rilevati dall’Osservatorio Immagino. Tra i trend con le migliori performance, lo “sugar free” e il “lactose free”

Il mercato dei “senza” è fiorente e cattura l’attenzione di un sempre maggiore numero di consumatori. L’attenzione agli zuccheri sta caratterizzando il mondo dei prodotti alimentari “free from” in Italia. A confermare questo trend, è l’Osservatorio Immagino di GS1 Italy realizzato in collaborazione con Nielsen, che incrocia le informazioni evidenziate su etichette e sell-out di 112 mila prodotti di largo consumo venduti nei supermercati e negli ipermercati italiani.

Dalla rilevazione emerge che sono ben 13.153 i prodotti alimentari a scaffale che hanno in etichetta un’indicazione relativa all’assenza di un componente e/o ingrediente (18,3% del totale food rilevato) e realizzano un fatturato di 6,8 miliardi di euro, cresciuto in un anno di +0,5%.

Ben superiore a questa media è il trend degli alimenti presentati come “sugar free”: rispetto al 2018, i prodotti con il claim “senza zuccheri aggiunti” hanno aumentato le vendite di +9,1% e quelli con “pochi zuccheri” sono cresciuti di +7,6%. L’industria alimentare ha “nutrito” questa esigenza aumentando l’offerta, oggi arrivata al 4,4% di incidenza sul totale food rilevato, lanciando in particolare bevande a base di frutta, confetture, latte di mandorla e altre bevande.

Se la riduzione degli zuccheri guida il settore del “free from”, altri claim hanno comunque registrato performance di vendita superiori alla media del mercato. Sono “senza glutammato” (+4,9%), “senza additivi” (+2,7%) e “senza olio di palma” (+1,6%), “non fritto” (+6,1%) e “senza lievito” (+1,9%).

Rimandano all’eterogeneo mondo del “free from” anche i claim relativi all’assenza di componenti nutritive responsabili di allergie o intolleranze alimentari, come il lattosio che appartiene al mondo degli zuccheri naturali. Sugli scaffali di supermercati e ipermercati italiani l’Osservatorio Immagino ha trovato 9.431 prodotti che si presentano come “senza glutine” o “senza lattosio”, pari al 13,1% dell’offerta alimentare complessiva. Nel 2019 il paniere degli alimenti per intolleranti e allergici ha generato 3,7 miliardi di euro di vendite. A sostenere l’espansione del mercato dei prodotti per intolleranti è stata soprattutto l’offerta (+2,3%), e quindi la maggior presenza sulle etichette dei claim “senza glutine” e “senza lattosio”, mentre la domanda è risultata positiva ma più tiepida (+0,3%).

Fonte: Osservatorio Immagino Nielsen GS1 Italy, ed. 1, 2020

A dominare il mercato, in termini di numero di referenze e di sell-out, è l’offerta di prodotti per celiaci, ossia con il claim “senza glutine” o con il logo della spiga sbarrata dell’Associazione italiana celiachia (Aic). il logo Aic ha aumentato le vendite annue di +2,8%, spinto da preparati per brodo, affettati, surgelati, panificati e pasta.

Ma il fenomeno più dinamico nel mondo dei prodotti per intolleranti si collega al trend positivo del “sugar free”: è la crescita del mercato dei prodotti “lactose free”, che in un anno hanno aumentato le vendite di +3,6% arrivando a superare 1,1 miliardi di euro di sell-out.Determinante, anche in questo caso, è stata l’espansione dell’offerta dei prodotti “senza lattosio”, arrivati al 4,5% dei 71.723 prodotti alimentari monitorati nella settima edizione dell’Osservatorio Immagino.

FOCUS ON: “lactose free” e “dairy free”. Facciamo chiarezza

Innanzi tutto è bene fare una distinzione terminologica: “lactose free” e “dairy free” (o “milk free”) non sono la stessa cosa. Se la distinzione è molto chiara in inglese – dal momento che “lactose free” indica prodotti privi di lattosio, lo zucchero del latte, mentre “dairy free” indica prodotti senza latte – per noi può essere un po’ più complicato, visto che solitamente la dicitura riportata in etichetta è “senza lattosio”.

“Senza latte” e “senza lattosio” non significano assolutamente la stessa cosa.

Un prodotto che riporti il claim “senza lattosio” è  anche senza latte? No e il motivo è presto detto: un prodotto può essere completamente privo di latte e suoi derivati (quello che gli inglesi chiamano “dairy free”), oppure contenere latte delattosato, cioè privato del lattosio (senza lattosio, il “lactose free” inglese).

Quindi il “dairy free” è implicitamente anche senza lattosio, mentre non è necessariamente vero il contrario. Va da sé che un prodotto senza lattosio sia idoneo per il consumo da parte di persone intolleranti a questo zucchero, ma non per consumatori vegani o allergici al latte perché il latte vaccino figura tra gli ingredienti di quel determinato prodotto.

Senza lattosio: il trend su cui puntano le aziende

Basta fare un giro tra le corsie di un qualunque supermercato per rendersi conto di come il “free from” sia veramente una tendenza rilevante: sono tante le aziende che puntano su questa caratteristica per le proprie referenze, in un mercato che risponde alle esigenze e soprattutto alle richieste di un consumatore sempre più attento alla propria alimentazione. Ecco così che lo storico marchio Riso Scotti, nato nel 1860 e da sempre leader italiano nella produzione e lavorazione del riso, accanto alle numerose referenze certificate VEGANOK ha lanciato da poco la linea “Sì con riso, Senza lattosio”, composta da 14 prodotti in 7 categorie merceologiche – tutte senza lattosio e senza proteine del latte. Lo stesso si può dire per Misura, marchio nato nel 1974 e noto per la produzione di alimenti pensati per soddisfare le diverse esigenze alimentari: tra le referenze certificate VEGANOK tutti i prodotti sono ovviamente senza lattosio, perché privi di latte, ma anche i prodotti della gamma “Privolat” rispondono a questa caratteristica, sebbene non siano 100% vegetali per la presenza di miele.

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti