Plastica: se il packaging non è sostenibile, gli italiani preferiscono non acquistare

Secondo i dati Eurispes, gli italiani sono consumatori informati e consapevoli della questione ambientale: anche se ci sono prodotti in plastica “irrinunciabili”, più della metà degli intervistati dichiara di evitare i prodotti con troppi imballaggi e il 47% predilige i prodotti plastic free

 

 

Nonostante il suo prezzo elevato sia dal punto di vista economico che soprattutto da quello ambientale, la plastica continua a essere prodotta senza sosta tanto che, secondo i dati Eurispes 2020, la produzione di plastica negli ultimi cinquant’anni è aumentata di 20 volte. L’Italia detiene il triste primato, almeno in termini di salvaguardia ambientale, di maggior produttore al mondo di beni di consumo di plastica e nel nostro paese questo materiale spopola tra gli imballaggi di frutta e verdura al supermercato. Secondo Eurispes, ogni anno si usano solo in Italia 2,1 tonnellate di plastica per imballaggi, di cui il 76% è destinata al settore Food & Beverage.

Eppure, gli italiani sanno che “la questione plastica” esiste e minaccia il nostro pianeta: l’inquinamento dovuto a questo materiale risulta al terzo posto tra le preoccupazioni degli italiani (37%), dopo la disoccupazione (56%) e l’esosità delle tasse (39%). Nella scala delle questioni ambientali, invece, la popolazione in Italia si preoccupa maggiormente per il riscaldamento globale (56%), poi per l’inquinamento delle acque (54%), e per l’inquinamento atmosferico e la deforestazione (39%).

Packaging: gli italiani preferiscono quello sostenibile

Gli italiani risultano consumatori sempre più consapevoli e informati, tanto che secondo i dati forniti nel 2019 dall’Osservatorio Packaging del Largo Consumo il 36% degli intervistati sceglie prodotti eco-friendly; tra questi figurano prodotti biodegradabili (25%), prodotti riciclabili (15%), prodotti realizzati con materiali riciclati (13%), prodotti realizzati da energia derivante da fonti rinnovabili (11%) e prodotti biologici (9%). Insomma, gli italiani sanno che è il momento del plastic free, anche se dai dati raccolti risulta che ci sono alcuni prodotti col pack in plastica ai quali la popolazione italiana non sa proprio rinunciare: tra queste spiccano senza dubbio le bottiglie di acqua, considerate ancora fondamentali per un terzo degli intervistati.

Risulta poi una particolare predilezione per le pellicole trasparenti per gli alimenti (27%), i contenitori riutilizzabili per gli alimenti (16%), i contenitori per i detersivi (14%, nonostante spopoli il trend dei detersivi alla spina), l’abbigliamento di pile e microfibra (13%), i sacchetti di plastica (12%) e i giocattoli (11%); tutti, questi, prodotti ai quali gli italiani dichiarano di non riuscire a rinunciare.

Leggi anche: Plastica monouso, spopola nei supermercati per frutta e verdura, ma qual è il suo prezzo reale?

Packaging sostenibile? Sì, grazie, ma a patto che non costi di più

Se è vero che gli italiani risultano consumatori informati e sensibili alla questione ambientale, è anche vero che il 67% degli intervistati è poco disponibile a riconoscere un differenziale di prezzo per i prodotti con un packaging sostenibile; nonostante questo, più della metà degli intervistati (54%) dichiara di evitare i prodotti con troppi imballaggi e il 47% predilige i prodotti plastic free. Ma cosa fanno in concreto i consumatori per salvaguardare il pianeta? Il 53% dichiara di acquistare prodotti realizzati con materiali riciclati, il 48% riutilizza anche gli articoli monouso, 4 su 10 non acquistano beni se gli imballaggi non sono riciclabili e il 24% non frequenta negozi che usano imballaggi non riciclabili.

Per approfondire: Consumiamo, mangiamo, beviamo e respiriamo microplastica

 

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

  1. Avatar

    Piccoli timidi segnali di consapevolezza crescono. Speriamo che non vengano soffocati.

    Reply
  2. Sto facendo anche io del mio meglio per eliminare la plastica o per lo meno fare acquisti consapevoli prediligendo prodotti in contenitori di vetro o plastic free.

    Reply
  3. Facciamo tutti la nostra parte

    Reply
  4. Avatar
    Gian Maria Cavalieri 12 Febbraio 2020, 9:16

    Cerco di fare del mio meglio, ma purtroppo la plastica è veramente ovunque.

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti