Panfiocco Integrale Roberto: il test prodotto dei consumatori

Alla base della piramide alimentare mediterranea, il pane è da sempre l’alimento principale in ogni cultura tanto che anticamente si usava il termine cumpanaticum (“companatico”) per indicare ogni preparazione che poteva accompagnarsi al pane, sottolineando il suo ruolo fondamentale. Ruolo che questo alimento mantiene ancora oggi che ne esistono decine di tipologie differenti tra fresco, confezionato e decongelato – denominazioni disciplinate da una norma entrata in vigore a dicembre del 2018 per permettere ai consumatori di distinguere in modo chiaro le diverse tipologie.

Inutile dire che non tutto il pane è vegano perché tra gli ingredienti di quello che, almeno in linea teorica, dovrebbe essere un prodotto semplice e vegetale al 100%, spesso non mancano additivi chimici e ingredienti di origine animale. Tra questi spicca senza dubbio lo strutto, ricavato dal tessuto adiposo dei maiali, impiegato specialmente nel pane confezionato e in quello in cassetta per renderli più morbidi. C’è poi chi aggiunge all’impasto del pane latte e lattosio, sempre per rendere i panificati più morbidi e allungarne la durata nel tempo. Parlando di additivi, invece, è importante segnalare che non è impossibile trovare prodotti contenenti cisteina (o L-cisteina): un aminoacido che spesso si ricava dal pelo o dalle piume degli animali (anche se ne esiste anche una versione vegetale). La cisteina è usata molto spesso per la panificazione perché aiuta a stabilizzare la struttura del pane; a meno che non sia specificato dall’azienda, la sua provenienza è quasi sicuramente di origine animale.

Esistono però aziende che scelgono di produrre pane secondo la tradizione, utilizzando ingredienti semplici ed esclusivamente di origine vegetale: è il caso di Roberto Industria Alimentare, che ha ottenuto la certificazione VEGANOK per i suoi prodotti della linea “EsSenza” perché realizzati in conformità con il nostro rigido standard etico. Tra i prodotti della linea troviamo grissini, pane a fette, pane per hamburger, piade e pane per hot dog tutti realizzati, tra le altre cose, senza olio di palma e solo con olio di oliva.

I consumatori che fanno parte della community di Veganblog, la più grande community di cucina vegan in Italia, hanno effettuato il test di alcuni prodotti della linea. Tra questi, in particolare, segnaliamo oggi il test del Panfiocco Integrale, pane per tramezzini morbido e dalle fette spesse. Ecco il commento di Luca, uno dei consumatori che hanno effettuato il test:

Una nota positiva è che quando si apre la confezione, a differenza di molti prodotti simili, non si percepisce il classico odore piuttosto pungente di alcol etilico. Le fette, segnalate come “più spesse” sulla confezione, sono morbide ed elastiche, l’alveolatura è ben sviluppata. Personalmente, però, non le ho trovate eccessivamente più spesse rispetto alla norma, per la mia esperienza hanno uno spessore regolare ma non eccessivo. Il test dell’assaggioè stato realizzato dai miei famigliari, onnivori ma tester affidabili e sinceri. Presa da estro creativo, mia madre ha disposto tutte le fette in una teglia e le ha ricoperte di una base di pomodori passati, olive e altri ingredienti, realizzando una sorta di “pizza”, che ha passato in forno per qualche minuto. Tolta poi dal forno il risultato visivo era praticamente identico a quello di una pizza, le fette si sono cotte e tostate perfettamente: la passata non ha inzuppato il pane, che è rimasto soffice e croccante; ha un’ottima sapidità che non lo rende dolciastro come molti prodotti simili, ha un ottimo sapore che invoglia a mangiarne senza stancare. Il prodotto mi è stato recapitato con la VeganBox, nella GDO si trova facilmente e il prezzo si muove tra i 2.59 e i 2.79 euro, per 400 g di prodotto. Ottima qualità ad un prezzo che reputo corretto.

 

Leggi il test prodotto completo qui: https://www.veganblog.it/panfiocco-integrale-roberto/

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Leggi altre notizie con:
Vai alla barra degli strumenti