Osservatorio VEGANOK Magazine: l’indice della prima uscita

Il numero 0 di Osservatorio VEGANOK Magazine è stato pubblicato a febbraio: ecco i contenuti e gli approfondimenti presenti nella rivista

Informazione libera e un progetto destinato alle aziende che vogliono essere informate sui trend e sulle normative, ai consumatori consapevoli che vogliono ottenere informazioni corrette in ambito di consumi e ai giornalisti alla ricerca di indagini e dati: questo è Osservatorio VEGANOK Magazine, la prima rivista 100% vegana al mondo. Un prodotto editoriale unico nel suo genere non solo per i contenuti, ma anche perché la produzione stessa del magazine – compreso l’uso di inchiostri e carta – è stata pensata per rispondere a principi etici e di sostenibilità.

Osservatorio VEGANOK Magazine: l’indice del numero 0

L’onda vegan è inarrestabile: i prodotti vegetali travolgono il mercato

Le diete 100% vegetali stanno diventando il “new normal”, anche tra i consumatori che non si dichiarano vegetariani e vegani. Cresce il mercato dei prodotti plant-based a livello globale, tanto che si prevede che il suo valore passerà dai 7,4 miliardi di euro del 2018 ai 11,9 miliardi di euro nel 2022.

 

News da Bruxelles: come nasce lo standard vegan europeo

Dopo anni di lavoro, è stato chiarito uno standard condiviso dalle più autorevoli organizzazioni vegan europee: tra queste ci sono anche VEGANOK – il cui fondatore, Sauro Martella, è anche presidente al tavolo di lavoro di Bruxelles – e Associazione Vegani Italiani Onlus. Lo scopo è scrivere un regolamento comunitario che definisca unicamente il significato di “vegan” per un prodotto.

Sostanze animali nelle confezioni dei prodotti vegetali

Un prodotto è vegano solo se non contiene ingredienti di origine animale? No, anche la confezione e l’involucro sono parte integrante della riflessione. Al momento VEGANOK è l’unico marchio al mondo a verificare che nel packaging non siano contenute sostanze animali.

Milk e meat sounding: inquadriamo la questione

Parlando di prodotti vegetali sostitutivi della carne e del latte, le normative europee impediscono l’impiego di specifiche denominazioni in etichetta per il timore che i consumatori possano confondersi tra i prodotti di origine animale e quelli vegetali.

“Tracce di” e prodotti vegan: cosa dice la normativa?

La perifrasi “può contenere tracce di…” o “prodotto in uno stabilimento che utilizza anche…” si riferisce alla possibilità di contaminazioni involontarie (cross contamination) con un determinato allergene; non riguarda invece gli ingredienti usati volontariamente nella formulazione del prodotto. La dicitura deve essere aggiunta in etichetta per tutelare i soggetti allergici a prodotti come latte, uova, molluschi, crostacei, soia, frumento, frutta a guscio, senape, etc. ma i residui non sono considerati come ingredienti, secondo l’art. 2, comma 2, lettera f) del Regolamento UE n. 1169/2011.

Come scegliere un buon prodotto cosmetico?

I consumatori attenti e consapevoli sanno che nel mondo della cosmesi esistono numerosi ingredienti da evitare, non solo perché di origine animale ma anche perché considerati dannosi per la salute e per l’ambiente. BioDizionario è uno strumento di facile consultazione, totalmente gratuito, per avere informazioni sugli ingredienti cosmetici.

Grandi novità nel settore dei sostituti della carne: i salami Vegan Delicious arrivano sul mercato

L’azienda italiana Vegan Delicious produce affettati vegani, biologici e senza glutine realizzati a base di NoGluty, impasto innovativo e unico rispetto a tutti i prodotti già presenti attualmente sul mercato. Il lancio dei prodotti è previsto entro i primi mesi del 2020.

Green claim: quando il mercato diventa a ridotto impatto ambientale

Il mercato globale pullula dei cosiddetti “green claim”, ovvero le affermazioni dirette a suggerire o anche solo a evocare il minore impatto ambientale del prodotto o del servizio offerto. Tutti i “green claim” devono contenere informazioni verificabili.

Nutrire il futuro

Quali sono le strategie per far fronte alle esigenze alimentari globali dei prossimi anni? Come nutrire un pianeta in aumento e garantire la sicurezza alimentare a lungo termine per tutti? Sono queste le sfide che ci attendono e che ci obbligano a ripensare a ciò che mangiamo e a come lo produciamo.

Beyond Meat Burger: l’analisi nutrizionale a cura della dottoressa Erica Congiu

Siamo di fronte a un prodotto “di transizione”, utile specialmente per coloro che si vogliano avvicinare gradualmente alla scelta vegana. Anche se non include ingredienti dannosi per la salute, la lista degli ingredienti è lunga e ricca di ingredienti lavorati. Non è un prodotto da demonizzare, ma nemmeno da consumare quotidianamente.

Fake meat e carne in vitro: non sono la stessa cosa

La prima è un prodotto che ricalca per sapore, texture e masticabilità la carne, pur essendo 100% vegetale; la seconda è ottenuta da cellule muscolari animali riprodotte in laboratorio.

Salumificio San Paolo: il futuro è vegetale!

L’azienda, situata in provincia di Parma, ha aggiunto alle proprie referenze tradizionali anche alcuni prodotti vegetali: un esempio di conversione (anche se parziale) della produzione, in linea con l’andamento del mercato alimentare internazionale.

Quanti sono i vegani in Italia e chi sono i consumatori “flexitarian”?

Secondo la rilevazione Eurispes, il numero di vegani è in crescita. Una percentuale sempre più ampia di popolazione abbraccia invece il “flexitarianism”, comportamento alimentare che contempla limitazioni sulla quantità e/o sulla frequenza dell’assunzione di alimenti di origine animale.

Consumo consapevole e conversione del sistema alimentare: quale legame?

L’unica alternativa possibile per arginare molte delle attuali problematiche etiche e ambientali è una decisa svolta plant-based del sistema alimentare. Consumo e produzione devono convergere verso il consolidamento di un’alimentazione vegetale globalmente condivisa.

Food Industry e innovazione vegetale: la tecnologia del futuro

Il futuro del cibo è strettamente collegato alle soluzioni tecnologiche che sapremo trovare per rendere le filiere di approvvigionamento sostenibili. Nei prossimi anni sviluppi innovativi scateneranno una rivoluzione nel modo in cui produciamo e consumiamo.

Gelato e arte fredda: l’arte del gelato diventa sempre più vegetale

Il mercato di questo dessert in versione 100% vegetale è in espansione, nel nostro paese proliferano gli investimenti nel settore della gelateria vegetale e numerose aziende e gelaterie hanno scelto di aderire a standard di garanzia per affermare la loro presenza nel mercato del gelato dairy-free.

Bar e pasticceria: l’esperienza del “bio-bar”

Il “bio bar” è il bar del futuro: prodotti provenienti da agricoltura biologica, dal commercio equo e solidale e quanto più possibile a km zero sono il nuovo trend della caffetteria e della ristorazione on-the-go.

Hotel e accoglienza: come si accoglie un cliente vegan?

Colazione 100% vegetale, arredi animal-free, detergenti ecologici professionali: 3 punti chiave dell’accoglienza dei clienti vegan in hotel.

Ristorazione e food: obiettivo conversione

Da ristorante onnivoro a locale vegan di successo: l’esempio di Ciriera Osteria, ristorante in provincia di Siena che ha messo a punto una conversione totale dell’attività.

Moda sostenibile: uno sguardo d’insieme

Nel mondo della moda aumentano sempre di più i prodotti “animal free” e anche i grandi nomi che sfilano sulle passerelle si stanno adeguando alle richieste di un mercato sempre più improntato a una produzione sempre più sostenibile, non solo dal punto di vista ambientale ma anche etico.

Come ricevere la rivista?

Sei un professionista? Entra nella galassia del Network VEGANOK, abbonati gratuitamente e accedi a tutti i contenuti! Link di iscrizione: magazine.veganok.com

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

  1. Avatar

    Come evitare di comprare prodotti con la confezione non vegana?

    Reply
  2. Avatar

    Proprio ieri l’ho ricevuta a casa e posso dire che l’ho trovata molto interessante nel mondo vegan mancava una rivista così professionale…. BRAVI

    Reply
  3. Questo numero zero ha già colpito per la professionalità e la ricchezza di contenuti. Complimenti al team di osservatorioveganok!

    Reply
  4. Avatar
    Gian Maria Cavalieri 6 Marzo 2020, 9:54

    Questo numero ha dei contenuti veramente interessanti, soprattutto l’articolo che riguarda il packaging.
    A volte si da per scontato che certe confezioni/imballi non contengano componenti di origine animale ed invece non è così. Ottima informazione.

    Reply
  5. Avatar

    L’abbiamo ricevuta in azienda due settimane fa. Grazie di cuore

    Reply
  6. Ricevuta poco tempo fa: un progetto editoriale unico e ben fatto!

    Reply
  7. E’ una rivista ricca di contenuti che affronta argomenti innovativi e al passo con i tempi. Un ottimo lavoro di grande professionaltà!

    Reply
  8. Avatar

    Dove si può leggere o comprare una copia?

    Reply
  9. Una rivista che è un vero orgoglio per il team VEGANOK. Un magazine per professionisti fatto da professionisti che hanno a cuore gli argomenti che trattano.

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti