Offerte sul junk food e obesità: un esame del Cancer Research UK

I consumatori che acquistano circa il 40-80% dei prodotti in offerta speciale hanno maggiori probabilità di essere obesi, afferma Cancer Research UK, che sta spingendo per restrizioni sulle promozioni dei prezzi per prodotti meno sani. Uno studio recente ha studiato il legame tra l’obesità – una delle maggiori cause prevenibili di cancro nel Regno Unito – e le promozioni di prezzo su cibi ricchi di grassi, zuccheri o sale (HFSS).

I consumatori che acquistano circa il 40-80% dei prodotti in offerta speciale hanno maggiori probabilità di essere obesi, afferma Cancer Research UK, che sta spingendo per restrizioni sulle promozioni dei prezzi per prodotti meno sani. Uno studio recente ha studiato il legame tra l’obesità – una delle maggiori cause prevenibili di cancro nel Regno Unito – e le promozioni di prezzo su cibi ricchi di grassi, zuccheri o sale (HFSS).

Il titolo dello studio è Paying the price – New evidence on the link between pricepromotions, purchasing of less healthy food and drink, and overweight and obesity in Great Britain (Pagare il prezzo – Nuove prove sul legame tra la promozione dei prezzi, l’acquisto di cibi e bevande meno salutari, il sovrappeso e l’obesità in Gran Bretagna) ed è disponibile a QUESTO LINK

Il report del Cancer Research UK esamina le abitudini di oltre 16.000 famiglie britanniche.

Cosa è emerso?

Secondo i suoi risultati, tre prodotti alimentari e bevande su 10 nei carrelli dei consumatori vengono acquistati in promozione in Gran Bretagna e quasi la metà di tutti i prodotti a base di cioccolato, patatine, popcorn e snack salati sono stati acquistati in occasione di offerte speciali.

Fonte: il report del Cancer Research UK

I consumatori che hanno acquistato circa il 40-80% di prodotti alimentari e bevande in offerta speciale avevano maggiori probabilità di essere sovrappeso: l’obesità era quasi del 30% più alta tra le persone delle famiglie che acquistavano più prodotti alimentari e bevande su promozioni speciali, rispetto a quelli che hanno comprato meno.

Questo studio dimostra che in Gran Bretagna, l’uso elevato delle promozioni di prezzo è associato a una prevalenza significativamente maggiore di sovrappeso e obesità”, ha confermato Peter Scarborough, professore associato presso il Dipartimento di Popolazione della Nuvola di Nuffield presso l’Università di Oxford. “Ha anche rilevato che l’aumento degli acquisti promozionali è associato ad un aumento nell’acquisto di categorie alimentari e alimenti ad alto contenuto di grassi, sale o zucchero (HFSS), a svantaggio di cibi più sani come frutta e verdura”.

Cancer Research UK ha invitato i governi (britannico, scozzese e gallese) ad agire, raccomandando di introdurre restrizioni sulle promozioni dei prezzi per cibi e bevande meno salutari, con un focus iniziale sulle offerte multi-buy.

È inoltre opportuno introdurre restrizioni sulle promozioni basate sulla posizione per alimenti e bevande non salutari, ad esempio all’ingresso dei negozi, alla fine dei corridoi dei supermercati e alle casse. Della proposta, ne abbiamo parlato in questo approfondimento:

Ridurre l’acquisto di snack malsani? Basta toglierli dalle casse dei supermercati

Il rapporto arriva pochi giorni dopo la proposta del governo britannico di vietare la pubblicità degli alimenti HFSS in televisione e online. Secondo la proposta, la pubblicità di prodotti alimentari e bevande non salutari sarebbe limitata fino alle 21.00. L’iniziativa fa parte dei maggiori sforzi del Regno Unito per dimezzare l’obesità entro il 2030, in particolare nelle aree svantaggiate.

E in Italia?

Purtroppo c’è poco da documentare. Su questo fronte si rilevano pochissime iniziative: poca divulgazione, poche misure proposte.

  1. Se sfogliamo i volantini delle offerte dei supermercati che ci arrivano a casa, scopriamo che i prodotti in offerta sono innanzitutto di origine animale, quindi carne pesce latticini, e poi pieni di conservanti e zuccheri come merendine creme spalmabili marmellate con zero frutta e solo zuccheri, bibite colorate e gassate ecc ecc…

    Reply
  2. Ma ci vogliono tutti malati ???

    Reply
  3. E’ un bombardamento continuo dall’esterno per indurci a comprare prodotti non salutari per far si che l’uomo si ammali. Questa è una società che non ha alcun interesse per la cura della salute dell’essere umano anzi al contrario non fà altro che proporre cibi che non nutrono. Si producono quantità industriali di cibo spazzatura pieno di conservanti, aromi, sale, zucchero… solo per interessi economici. E poi la popolazione si ammala…

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti