New York: disegno di legge per offrire pasti vegetali negli ospedali

L’Assemblea dello Stato di New York ha presentato un disegno di legge per garantire ai pazienti ospedalieri un’opzione salutare a base vegetale ad ogni pasto. Il disegno di legge ora si trasferisce al Senato dello Stato di New York e se verrà approvato, diventerà legge.

Pasti plant based negli ospedali. Dopo la California, è il momento dello stato di New York. Il disegno di legge si trasferirà ora al Senato dove, se approvato, diventerà legge.

Il disegno A04072 consultabile QUI, scritto dal membro dell’Assemblea Richard N. Gottfried, richiede agli ospedali dello stato di New York di rendere disponibili pasti e spuntini a base vegetale che non contengano prodotti o sottoprodotti di origine animale.

Ecco un estratto del disegno di legge:

La legge sulla salute pubblica viene modificata aggiungendo una nuova sezione 2827 come segue:
Opzioni alimentari a base vegetale.

1. Su richiesta del paziente o del rappresentante legale del paziente in un ospedale che fornisce cure ospedaliere o residenziali, l’ospedale deve offrire al paziente un’opzione vegetale ad ogni pasto o spuntino offerto nel cibo servizio al paziente. Tutto il materiale che descrive l’offerta alimentare deve includere la disponibilità di un’opzione alimentare plant-based. A livello di costo, l’opzione alimentare a base vegetale deve essere offerta senza ulteriori supplementi per il paziente al di là di quello che verrebbe addebitato per un’opzione alimentare comparabile non vegetale.

2. L’ospedale risponde in modo ragionevole e in tempo utile a qualsiasi richiesta presentata in questa sezione. La richiesta deve essere valida per ogni pasto o merenda ospedaliera in cui è ragionevolmente previsto che il paziente consumi.

3. Definizioni:
a) “Opzione alimentare plant-based”: un alimento o una bevanda privi di prodotti di origine animale e con un valore nutrizionale comparabile all’opzione alimentare non vegetale che sostituisce.
(b) “Prodotto animale”: carne, pollame, pesce, latticini, uova, miele e ogni suo derivato.

La Physicians Committee, un’organizzazione senza scopo di lucro composta da circa 12.000 medici, applaude la recente approvazione del disegno di legge.

Susan Levin , MS, RD, direttore dell’educazione nutrizionale della Physicians Committee for Responsible Medicine ha dichiarato:

“Grazie a Richard N. Gottfried, membro dell’Assemblea dello Stato di New York per aver avvicinato New York per garantire che i pazienti ospedalieri abbiano accesso a pasti sani a base vegetale che li aiuteranno a combattere malattie cardiache, diabete e obesità”

A settembre, la California ha approvato una legislazione simile, co-sponsorizzata dalla Physicians Committee, che garantisce ai pazienti un’opzione salutare a base vegetale ad ogni pasto.

Nel giugno 2017, l’American Medical Association ha approvato la Healthy Food Options in Hospitals  che invita gli ospedali degli Stati Uniti a migliorare la salute di pazienti, del personale e dei  visitatori fornendo pasti a base vegetale. L’American College of Cardiology ha fatto la stessa raccomandazione in Planting a Seed: Heart-Healthy Food Recommendations for Hospitals 

L’organizzazione senza scopo di lucro, Food Forward promuove ospedali che offrono opzioni vegetali invece di pasti contenenti prodotti di origine animale e suggerisce, che oltre al fattore salute, la transizione sarà vantaggiosa per le strutture.

Il San Joseph Health System nella contea di Sonoma, in California ha dichiarato: “Gli antipasti vegetariani costano circa il 50 percento in meno rispetto agli antipasti di carne” secondo quanto riferito, con un risparmio di circa 5.000 dollari l’anno.

  1. Tutto questo in Italia dovrebbe essere già obbligatorio… a quando l’attuazione?

    Reply
  2. In Italia , Paese in cui abbiamo delle eccellenze doni di Madre Terre , sarebbe dovuto essere da sempre
    così ed il
    Mondo avrebbe dovuto presentare esempio da noi… e invece? Siamo sempre il cosiddetto “ fanalino di così “ quando avremmo le carte in regola per esser i primi !
    Bah da chi dipende sempre?
    Forse un po’ anche da noi cittadini che non difendiamo abbastanza in nostri diritti ma anche da chi gestisce le strutture che a volte ha anche poca informazione, poca voglia di affermare la giustizia e ogni tanto anche “ interessi diversi @
    Speriamo , come sempre, in una presa di coscienza che il mondo vegan , scientifico ed etico , sta muovendo con forza da tempo !

    Reply
  3. Io estenderei la proposta e renderei i provvedimenti più incisivi: gli ospedali dovrebbero proporre solo ed esclusivamente pasti plant-based variegati secondo linee guida definite da una commissione specializzata di nutrizionisti.

    Reply
  4. Avatar

    Abbiamo realtà anche in Italia dove applicano menù plant based ma sono una goccia nel mare. Bisognerebbe iniziare a fare educazione nelle scuole fino ad arrivare alle università per formare una classe medica più etica e più vegetal oriented

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti