Ministero delle Politiche Agricole: stanziati 10 milioni per mense scolastiche bio

Stanziati 10 milioni dal Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo per valorizzare le mense biologiche. Un fondo messo a disposizione dei Comuni italiani, volto a ridurre i costi a carico dei beneficiari del servizio e a realizzare iniziative di informazione e di promozione nelle scuole. Una iniziativa che valorizzerà gli alimenti di provenienza biologica senza pesare sul costo della mensa.

Mangiare bio a scuola? Il ministero delle Politiche agricole alimentari ha stanziato 10 milioni di euro per assegnare agli prodotti biologici. Si tratta di un fondo messo a disposizione dei comuni italiani, volto a ridurre i costi a carico dei beneficiari del servizio e a realizzare iniziative di informazione e di promozione nelle scuole.

All’interno del comunicato stampa ufficiale divulgato dal Mipaaft si legge:

Il Mipaaft – che da anni promuove una corretta alimentazione con il programma “Frutta nelle scuole” – con le mense scolastiche biologiche valorizza le produzioni agroalimentari sostenibili per l’ ambiente.

Il Sottosegretario del Mipaaft, On. Franco Manzato ha commentato:

“Mangiare sano a scuola non sarà più costoso con questo fondo infatti permettiamo alle scuole e alle famiglie di mettere nei piatti delle nuove generazioni prodotti genuini e sani, usufruendo di pasti di altissima qualità preparati con ingredienti biologici certificati in un contesto di condivisione e socialità. Il sostegno del Ministero permetterà alle scuole e alle famiglie di offrire menu biologici senza spese aggiuntive sul costo delle mense”

I fondi stanziati saranno spartiti tra le Regioni sulla base del numero di pasti serviti dalle mense biologiche registrate al 30 giugno 2018: si tratta di oltre 11 milioni di pasti bio. Per ricevere la certificazione biologica, le mense devono servire delle quantità ben definite di prodotti bio.

Deve essere bio:

  • almeno il 70% di frutta, ortaggi, legumi, prodotti trasformati di origine vegetale, pane e prodotti da forno, pasta, riso, farine, cereali e derivati, olio extravergine
  • il 100% delle uova, degli yogurt e dei succhi di frutta.
  • il 30% dei prodotti lattiero – caseari, carne e pesce da acquacoltura

Paolo Carnemolla, presidente FederBio ha dichiarato:

“Il sostegno del Governo ai Comuni virtuosi che utilizzano prodotti biologici nelle mense scolastiche è un segnale importante, che può consolidare e sviluppare le iniziative già messe in campo lo scorso anno da alcune Regioni. È anche l’occasione per ribadire l’importanza di una norma nazionale sulla ristorazione biologica che aumenti le garanzie per le mense pubbliche e consenta di fare chiarezza nell’ambito della ristorazione commerciale, accompagnando l’incremento dell’utilizzo di prodotti biologici nell’offerta di alimentazione fuori casa”.

Il miglior scenario possibile: mense scolastiche bio 100% plant-based

Il numero di famiglie che per la mensa scelgono un’alimentazione a base vegetale per i propri figli è in crescita vertiginosa. Avevamo parlato in un approfondimento dedicato, del caso delle mense di Milano in cui il numero di richieste è aumentato del 60%, passando da 2.860 a 4.577 in soli cinque anni. Vero e proprio boom per i pasti somministrati ai baby vegani all’asilo: un incremento pari al 111%.

Bambini vegani: raddoppia il numero nelle mense scolastiche 

Intanto è stata presentata alla Camera la proposta di legge dal titolo:  proposta di legge dal titolo: Norme per garantire l’opzione per la dieta vegetariana e la dieta vegana nelle mense e nei luoghi di ristoro pubblici e privati.

Il disegno prevede che tutte le mense pubbliche offrano opzioni vegane e vegetariane. Il progetto in realtà riguarda tutti i luoghi di ristoro e prevede sanzioni da 2.500 fino a 10.000 euro per coloro che non si adeguano. Leggi l’articolo completo qui: Mensa scolastica: sanzioni se manca l’opzione vegan

Proposta di legge Art 1:

1. Lo Stato garantisce e promuove la differenziazione delle diete alimentari in rapporto alla scelta etica e scientifica dell’alimentazione vegetariana e vegana.
2. La presente legge tutela le scelte alimentari vegetariana e vegana, e il diritto dei cittadini che le adottano a un’alimentazione in linea con i propri princìpi etici, garantisce loro la tutela della salute e afferma e valorizza gli aspetti etici, scientifici e nutrizionali di tale scelta.

E per la salute?

Diminuire la carne per diminuire i rischi connessi al consumo e per la salute dei bambini in linea con le Raccomandazioni dell’OMS e il Codice Europeo contro il Cancro“: è quanto aveva dichiarato il Dott. Franco Berrino (medico ed epidemiologo italiano) nel’ambito di una inchiesta di Report sulla qualità dei menù delle mense scolastiche e aveva aggiunto: “l’errore principale delle linee guida ministeriali è l’eccesso di proteine animali“.

Riportiamo a questo link, l’inchiesta di Report. Al minuto 11:08, segnaliamo l’approfondimento della Dott.ssa Sabina Bietolini Biologa Nutrizionista membro del Comitato Scientifico di AssoVegan – Associazione Vegani Italiani Onlus, in merito ai vantaggi di menù completi, equilibrati e sopratutto plant based.

  1. Le belle notizie che riscaldano il cuore. Proprio sulle mense e le scaffalature delle loro dispense piene di prodotti non solo non bio, ma provenienti da altri paesi, portai avanti un’inchiesta che sollevó non poche polemiche e indignazione da parte dei genitori dei bambini. Le cose stanno cambiando per fortuna, l’informazione serve anche a questo.

    Reply
  2. Avatar

    Questa è una bellissima notizia, finalmente i bambini potranno consumare pasti sani anche a scuola.

    Reply
  3. Speriamo davvero che questo sia l’inio Di un percorso che porti assolutamente ad una scelta alimentare a partire dalla prima infanzia , totalmente plantare based !
    Per la salute dei piccoli uomini e delle piccole donne , per il pianeta e per tutti gli animali cge salveremo !

    Reply
  4. Una bella notizia… speriamo abbia un seguito

    Reply
  5. E pensare che piuttosto che una notizia rivoluzionaria, questa dovrebbe essere semplicemente la normalità… C’è ancora molto da fare ma la direzione è quella giusta… Avanti così!
    🙂

    Reply
  6. Avatar

    Finalmente istituzioni che si preoccupano della salute dei bambini e di educarli al rispetto dell’ambiente e di tutti gli esseri viventi del
    Pianeta. Prendendone coscienza, oltre che per la salute, questi piccoli cuccioli umani saranno il futuro del cambiamento 😍

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti