Mercato dei sostituti del formaggio: valore, volumi e tendenze

Formaggi vegetali: si tratta di un mercato in fortissima crescita sia perché in crescita è il numero di persone che si avvicinano ad un’alimentazione vegan, sia perché sono sempre di più i consumatori che escludono i prodotti lattiero caseari per motivi etici o salutistici. Un trend in ascesa che porta con sé grandi opportunità di innovazione ed evoluzione. Ecco alcuni dati e considerazioni.

Nel mercato dei prodotti vegetali sostituti dei lattiero caseari, le bevande sostitutive del Latte UHT rappresentano da sempre la componente principale dei consumi. Il latte vegetale, da sempre tra i best performers nel mercato dei prodotti plant based, anche quest’anno avanza in Italia e su scala globale, pur mostrando un trend di espansione moderato, a fronte del fatto che molte referenze (ad esempio il latte di mandorle, cocco, riso e soia) sono entrate stabilmente nella dieta quotidiana dei consumatori vegani, vegetariani e non.

Tuttavia, le dinamiche di sviluppo più significative da due anni a questa parte riguardano i “sostitutivi” dei formaggi.
Nel primo semestre 2019, gli istituti di ricerca Variant Market Research e Future Market Insights (FMI) hanno pubblicato due report indipendenti sul mercato globale dei “formaggi” vegani, che giungono a conclusioni pressoché allineate, prevedendo una crescita del mercato dei formaggi a base vegetale tale da raggiungere entro il 2024 i 3,9 miliardi di dollari. In termini di valore, si prevede che il mercato globale dei formaggi vegani registrerà un CAGR dell’8,6% durante il periodo di previsione.

E se l’Europa, ad oggi, guida i consumi su scala mondiale, con una quota vicina al 43%, seguita rispettivamente da Nord America, APAC, Sud America e MEA, le previsioni pronosticano crescite considerevoli soprattutto in Estremo Oriente. In Italia, le vendite dei prodotti “sostitutivi” del latte, del formaggio e dello yogurt, che nel 2016 avevano un valore complessivo pari a poco meno di 250 milioni di euro in Gdo (Iper + Super + Lsp) sono cresciute a doppia cifra nell’ultimo biennio. Il segmento, la cui componente principale a volumi e a valori era ed è ancora rappresentata dalle bevande vegetali sostitutive del latte, è caratterizzato da una straordinaria vitalità e registra un aumento dei lanci e delle referenze in assortimento.

Tra i principali fattori che contribuiscono alla crescita del mercato del formaggio vegano, non solo la crescente consapevolezza etica della popolazione, ma anche la domanda della popolazione intollerante al lattosio e dei consumatori attenti ad esigenze salutistico nutrizionali, tra cui il contenimento del colesterolo, in primis. Non solo, ma l’aumento della pubblicità sui media e della pressione promozionale, nonché l’ampliamento degli assortimenti in pressoché tutti i canali di vendita, incoraggiano la crescita del segmento e incentivano sempre le aziende a sviluppare nuove formule per rimanere all’avanguardia in un mercato sempre più competitivo.

Interessati in particolar modo dalla crescita le regioni del Nord Italia, e le grandi aree urbane. Tra i consumatori target più interessanti per i nuovi prodotti emergenti i millennials. Il ruolo delle generazioni più giovani nella crescita dei prodotti 100% vegetali è rilevante: complessivamente 6 millennials su 10 negli ultimi 12 mesi hanno provato almeno una volta un sostituto del formaggio 100% vegetale.

Infine, se gli acquisti di sostituti dei formaggi stanno aumentando a tassi ampiamente significativi, il merito è anche dello sviluppo di nuovi prodotti che, grazie a formulazioni molto varie, ricreano texture che spaziano da quelle analoghe ai formaggi stagionati e grattugiabili ai prodotti freschi, spalmabili e in crema. Quanto alle formulazioni, la base di soia domina gli assortimenti con più del 40% delle ricette presenti sul mercato, seguita dalle ricette a base di riso e amidi e olio di cocco. Ma le ricette che registrano le crescite maggiori sono quelle a base di mandorle, arachidi, nocciole, anacardi, tra le quali si segnala infine una tendenza alla semplificazione delle ricettazioni.

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

  1. Verissimo, infatti al prossimo VeganFest FoodNova edition a Rimini, nella trasmissione tv dedicata agli showcooking, il formaggio vegan sarà l’assoluto protagonista!

    Reply
  2. Il formaggio come gli affettati vegetali !
    Ma aspettiamo sempre più novità gustose e “ buone con la vita “

    Reply
  3. C’è sempre più richiesta per i formaggi vegan e i latti vegetali perchè oltre ad essere buoni e piacevoli al palato non implicano l’uccisione di alcuna creatura vivente.

    Reply
  4. Da quando ho fatto la mia scelta vegan i formaggi sono la mia più grande mancanza… evviva questo mercato in crescita!

    Reply
  5. Avatar

    Oggi per fortuna ci sono tante alternative “free from” e spesso questa variante vegetale è consumata anche da chi non segue fini etici. Riscoprendo sapori, valori nutrizionali e ingredienti di qualità.

    Reply
  6. Avatar
    Gian Maria Cavalieri 26 Agosto 2019, 21:10

    Di strada se n’è fatta tanta. I primi prodotti sostitutivi dei formaggi erano veramente pessimi. Oggi, invece, ci sono prodotti dal sapore indistinguibile da quello del formaggio di origine animale.

    Reply
  7. Sono vegana da anni ma ho fatto un periodo “di transizione” vegetariana e devo dire che mangiavo molto formaggio. È stato l’alimento a cui ho fatto più fatica a rinunciare, ma oggigiorno le alternative vegetali sono decisamente migliori (e di più) rispetto a qualche anno fa… per fortuna, perché rende il tutto molto più facile 😅

    Reply
  8. Interessante articolo che conferma i trend di mercato

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti