Mc Donald’s: arriva McPlant, il primo panino a base di “fake meat”, tra sostenitori e detrattori

Arriverà nei menu il prossimo anno (ma ancora non è dato sapere quando né dove) e fa già discutere: è il panino vegetale di McDonald’s, che si chiamerà McPlant e sarà a base di “carne vegetale”. Ci sono dubbi sul fornitore, che parrebbe essere Beyond Meat, ma anche sulla possibilità che il panino sia adatto al consumo da parte dei clienti vegani.

Il suo lancio ufficiale è previsto per il 2021, ma il McPlant fa già parlare (molto) di sé. Il panino “green” a base di “carne vegetale” farà il suo ingresso nei menu della celeberrima catena di fast food a un anno di distanza da quando l’altro colosso della ristorazione “fast”, Burger King, ha lanciato in Europa il suo panino senza carne. Ora anche McDonald’s ha scelto di collocarsi in quella che ormai è impossibile definire nicchia di mercato, proponendo un’alternativa meat free tra i suoi panini, in linea con la tendenza globale a ridurre il consumo di proteine animali.

L’annuncio è arrivato questa settimana in una nota ufficiale dell’azienda, nella quale la novità è stata presentata come “un delizioso hamburger a base vegetale realizzato per McDonald’s, da McDonald’s“, senza ulteriori informazioni sugli ingredienti e soprattutto sul fornitore della “fake meat” alla base del panino. Anche se la nota lascia intendere che si tratti di un prodotto creato dalla stessa multinazionale, ci sono parecchi dubbi a riguardo. Lo scorso anno, infatti, McDonald’s ha collaborato con Beyond Meat per la produzione di alcuni hamburger vegetali lanciati in via sperimentale nei punti vendita del Canada.

Alcuni portavoce dell’azienda – tra i quali lo stesso fondatore e CEO, Ethan Brown – hanno sottolineato in queste ore che “Beyond Meat e McDonald’s hanno creato insieme l’hamburger plant-based che sarà disponibile come parte del panino McPlant”. Un annuncio accolto con scetticismo dagli investitori, in un periodo in cui l’azienda deve già fare i conti con i cali delle vendite legati alla pandemia da Covid-19, e con il conseguente crollo delle proprie azioni in Borsa.

Rimane il “mistero” rispetto alla dichiarazione fumosa di McDonald’s, ma quello che è certo è che il nuovo panino divide l’opinione pubblica ancora prima del suo lancio ufficiale sul mercato.

McPlant: il panino vegetale di McDonald’s tra sostenitori e detrattori

“Nel bene o nel male, purché se ne parli” recita un celebre motto, e sul web i commenti sulla novità in casa McDonald’s non mancano di certo. I sostenitori del panino – un po’ come è accaduto per altri prodotti plant-based lanciati negli anni da grandi multinazionali o catene di fast food – vedono nel suo arrivo un incentivo al cambiamento. Il fatto che una multinazionale come McDonald’s metta a disposizione della sua numerosissima clientela un’alternativa meat free ai suoi storici panini lancia un messaggio forte, andando perfino a “normalizzare” quella che è ormai una scelta alimentare molto diffusa globalmente.

Inoltre, come sottolinea Business Insider, la scelta del nome “McPlant” dice molto rispetto alle intenzioni (anche future) della multinazionale. A differenza di quanto era accaduto in passato con altri panini “veggy”, questa volta l’azienda ha inserito nel nome il prefisso “Mc”, esattamente come per tutti gli altri panini da sempre nel suo menu. Questo, secondo gli esperti, è un chiaro segnale di quanto McDonald’s stia prendendo seriamente le alternative vegetali alla carne, nonché la dimostrazione che questo panino entrerà a pieno titolo nell’offerta permanente dei ristoranti.

Certo è che proprio il nome del panino ha fatto storcere il naso a molti utenti sui social: come riporta l’Independent, c’è chi lo ha definito un nome “anni 90” e chi è arrivato a chiedersi quanto impegno abbia richiesto la scelta di un nome tanto banale. Molti dubbi sono stati sollevati anche sulla possibilità che il panino sia effettivamente adatto ai vegani. Con tutta probabilità, infatti, la “carne vegetale” sarà cucinata sulla stessa griglia dei burger di carne, andando di fatto a “contaminare” i panini vegetali.

McPlant: un panino per vegani?

Il punto forse è proprio questo: sebbene sia a base di “carne vegetale”, il nuovo panino di McDonald’s non è pensato per i vegani. Sembra invece più plausibile che si tratti di un’alternativa vegetale ai prodotti di origine animale rivolta principalmente ai flexitariani, coloro che prediligono un’alimentazione di tipo vegetariano senza però rinunciare al consumo sporadico di carne.

Quindi, mentre il colosso McDonald’s si mette in pari con la concorrenza che già da tempo ha lanciato un’alternativa senza carne, facendo il punto della situazione è chiaro come la “rivoluzione vegetale” sia ormai in atto.

Leggi anche:

Gli analoghi della carne: che ruolo hanno nella rivoluzione vegetale?

Fake meat e clean meat non sono la stessa cosa. Ecco perché

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

  1. Comunque sia è una notizia positiva. un altro esempio di come ci sia un cambiamento in atto

    Reply
  2. Avatar
    Gian Maria Cavalieri 14 Novembre 2020, 9:20

    Io rimango dell’opinione che tutte queste alternative vegetali ai prodotti animali aiutino. Se i prodotti vegetali verranno sdoganati dall’opinione pubblica saranno consumati più frequentemente.
    Sicuramente non è un prodotto pensato e prodotto per una clientela vegana antispecista.

    Reply
  3. Personalmente non sento proprio la necessità di andare a mangiare un prodotto del genere da Mc Donald’s ma comunque anche questo è un passo verso la rivoluzione vegetale

    Reply
  4. Non sono una fan di McDonald’s e non lo ero nemmeno prima di diventare vegana, ma è indubbio che si tratti di una vera e propria rivoluzione, una novità in positivo.. se anche solo la metà delle persone che mangiano quotidianamente nei fast food scegliesse l’alternativa vegetale, sarebbe un enorme passo avanti!

    Reply
  5. Avatar

    Io non lo mangerei nemmeno sotto tortura.

    Reply
  6. Avatar

    Al McDonald’s non andrei a mangiare a prescindere.. Betty

    Reply
  7. Sicuramente un segnale forte, anche se come appunto sottolineto con tutta probabilità la “carne vegetale” sarà cucinata sulla stessa griglia dei burger di carne, quindi non rischierei

    Reply
  8. Avatar

    sinceramente non adrei a mangiare da Mac donald’s anche solo per l’odore che c’è…ma lo trovo un segnale molto potente di quanto il termine VEGAN stia diventando mainstream. Se anche un colosso del genere si adegua…la rivoluzione è dietro l’angolo!!

    Reply
  9. Avatar
    Giuseppe Belletti 17 Novembre 2020, 14:09

    Sempre un arricchimento per la catena mc Donald’s…

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti