La Impossible Foods al lavoro sul “latte impossibile”: di cosa si tratta?

Il latte impossibile è in arrivo. Sapore identico al latte vaccino ma formulazione 100% vegetale: è il progetto su cu la Impossible Foods, capitanata da Pat Brown, sta lavorando con un team di scienziati. Lo scopo? Creare un prodotto totalmente animal free che si distingua anche dalle bevande plant-based disponibili al momento sul mercato.

Aziende come Impossible Foods hanno il merito di spingere sempre un po’ più in là i limiti di ciò che consideriamo consuetudine. Dopo la carne vegetale è la volta del latte vegetale “impossibile” che ha lo scopo di posizionarsi sul mercato come alternativa sostenibile in grado di ridurre l’impatto ambientale.

Il prodotto è ancora in fase di studio e sviluppo e la formulazione è ancora segreta: la vera novità riguarderà il sapore e la percezione. La start up californiana promette che la bevanda sarà in grado di fare la schiuma come il latte vaccino e avrà il sapore identico. Per immettere sul mercato referenze che possano rispondere all’esigenza di simulare perfettamente le loro controparti animali, Patrick Brown CEO di Impossible Foods Brown ha anche annunciato che investirà molto in R&S incrementando il suo team di ricercatori e assumendo 100 nuovi scienziati che avranno accesso a strutture, risorse per creare una piattaforma tecnologica completamente nuova volta a trasformare le piante in carne, pesce e latticini.

Come riporta la Cnn, la settimana scorsa in una conferenza stampa online, Brown ha ha dichiarato: “Abbiamo realizzato prototipi  del “latte” da diverse fonti vegetali” e ha aggiunto che la soia, presente nell’ingredientistica del prototipo, è “un’ottima scelta da un punto di vista nutrizionale e da un punto di vista della catena di approvvigionamento, e per questi motivi penso che ci siano buone probabilità che sia la proteina di base per il nostro prodotto”.

Pat Brown, il cui obiettivo è eliminare del tutto il consumo di prodotti di origine animale entro il 2035 sostituendoli con alternative 100% vegetali, ha rilasciato una intervista anche alla CNBC per presentare il nuovo progetto. Dice:

“La nostra azienda è prima di tutto un istituto di ricerca su scala planetaria nell’ambito della tecnologia alimentare. È stata fondata per trovare soluzioni alle minacce legate alle questioni ambientali causate dall’uso di animali nel sistema alimentare, vale a dire dalla tecnologia più distruttiva della storia umana. La soluzione globale a queste tema è costruire un impianto tecnologico completamente nuovo che ci permette di creare versioni migliori di carne, pesce e prodotti caseari direttamente dalle piante. Si tratta del progetto scientifico ed ingegneristico più importante della storia umana perché è il modo più concreto per portare le lancette dell’orologio indietro sul tema del climate change e del collasso della biodiversità planetaria”

Il prodotto sarà salutare? Chiede il giornalista della CNBC. I claim che descrivono le bevande vegetali a base di mandorla, soia ecc. puntano sul  fatto di essere più salutari delle controparti casearie. L’Impossible Milk punterà su questo aspetto?

“Sì” dice Brown. E continua: “Il punto però è che ci sono molti consumatori di latte vaccino nel mondo e sono di più rispetto a quelli che consumano l’alternativa vegetale. I prodotti alternativi al latte sul mercato sono ottimi per le persone che cercano prodotti vegetali ma molti consumatori di prodotti caseari non li scelgono. Quindi per poter raggiungere il nostro scopo, che non è essere un’azienda produttrice carne o latte ma che è smantellare la tecnologia alimentare più distruttiva del mondo, dobbiamo creare prodotti che apportano qualcosa in più. Quindi sì, devono essere anche validi dal punto di vista della salute ed essere deliziosi ed appetibili per coloro che amano il latte vaccino.”

Leggi anche:

Mercati e consumi: latte e derivati in crisi, la soluzione è la conversione della produzione in chiave vegetale

Guida Latte Vegetale 2020

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

  1. Per cambiare il sistema alimentare globale si deve cercare di offrire ai consumatori qualcosa di innovativo, che al contempo nella percezione non scardini le abitudini ormai consolidate da tempo. Un plauso a Impossible Foods, che sta lavorando nel modo migliore e con obiettivi concreti!

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti