Kroger: quali saranno i grandi trend alimentari del 2019?

Che cosa si mangerà nel 2019? Il colosso americano Kroger, ha stilato una classifica dei 5 trend più rilevanti.

Un team di sviluppatori di prodotti, chef e innovatori di Kroger, il secondo retailer Usa con più di 3.500 negozi sparsi in tutto il Paese, ha rivelato le sue previsioni sulle tendenze alimentari che guideranno il mercato nel 2019: trend che lasciano intuire ottime performance di consumo per prodotti plant-based, ortofrutticoli freschi e trasformati.

Oltre 135 anni di attività nel settore alimentare ci hanno insegnato molto sul cibo e sulle persone” ha dichiarato la catena. Nicole Davis, Senior Innovation Manager di Kroger Co., ha osservato attraverso la sua ricerca, che gli stili si stanno consolidando come una tendenza e ha citato, all’interno dello studio, diete e stili di vita che i consumatori stanno adottando per migliorare salute e benessere.

“Più consumatori acquistano better-for-you products, cioè referenze volte al benessere identificandosi in diversi stili alimentari: dal vegano al flexitarian, fino al keto e al paleo. Vogliono cercare un’azienda che condivide gli stessi valori, gli stessi obiettivi e lo stesso stile di vita che conducono. Vogliono spendere i loro soldi dove hanno fiducia.”

Il consumatore ha quindi necessità di riconoscersi ed identificarsi anche con la filosofia e la sensibilità del punto vendita in cui acquista gli alimenti.

Secondo Davis le macro tendenze si possono riassumere in alcune importanti parole e concetti chiave:

  • alimenti semplici e genuini
  • gusti globetrotter
  • alimenti plant-based
  • salute con particolare attenzione all’intestino;
  • zero rifiuti
  • shopping basato sul valore

Ecco quali sono i 5 macro trend:

1. Alimenti plant-based

La prima tendenza individuata da Kroger riguarda i cibi vegetali che, ormai da diversi anni, guadagnano terreno e popolarità anche tra coloro che non si definiscono esplicitamente vegani. Sempre più consumatori, infatti, scelgono di ridurre l’assunzione settimanale di carne e latticini: nell’ultimo anno, secondo uno studio di Mintel, il 31% dei americani ha partecipato a giornate meat-free una volta alla settimana. Il gruppo ha dichiarato: “I nostri clienti stanno scoprendo che è facilissimo includere più alimenti a base vegetale nelle loro diete quotidiane.” Alcuni esempi di prodotti veg con un elevato potenziale sono latte di cocco, le polpette vegetali, risotti di verdure e cereali, lenticchie e fagioli rossi: prodotti quindi non formulati esplicitamente per una clientela vegana ma che vengono poi declinati in una formula 100% vegetale. Prodotti semplici di questo tipo avranno sempre più spazio sugli scaffali dei supermercati nel 2019.

2. Nuove diete e stili alimentari

Dal vegano al flexitarian al keto fino al paleo. Secondo Kroger, i rivenditori devono saper rispondere alle esigenze di questa clientela che, seppur di nicchia nei casi dello stile keto o paleo, ha bisogno di trovare nel supermercato, un luogo che possa rendere loro la vita più facile in termini di consumo.

3. Gut-Healthy Foods: alimenti per la salute intestinale

I ricercatori di Kroger hanno rilevato che sempre più consumatori cercano alimenti che sostengano la salute personale e rafforzino il sistema immunitario: a fronte di questa esigenza, cresceranno esponenzialmente i prodotti ricchi di probiotici. Un prodotto tra tutti, il kombucha.

4. Dolcificanti a basso contenuto di zucchero e naturali

I consumatori sono sempre più alla ricerca di modi per ridurre o eliminare lo zucchero dalla loro dieta con dolcificanti alternativi come l’agave o lo sciroppo d’acero. “Quasi la metà degli americani vuole consumare meno zucchero ed è motivato a ridurlo o eliminarlo. Sono quindi in aumento le nuove soluzioni sugli scaffali dei supermercati che aiutano i consumatori a trovare prodotti ricchi di nutrimento e sapore, senza ricorrere allo zucchero”.

5. Sapori regionali

I consumatori vorranno sempre più relazionarsi con i sapori locali, valorizzando la tradizione e i prodotti del luogo.

 

  1. La diminuzione del consumo di carne per motivi legati alla salute e la corretta alimentazione è una buona notizia per tutti, anche ovviamente per le vite animali che non verranno inutilmente uccise.

    Reply
  2. Tutto ci dice che le “ buone scelte “ saranno le compagne del futuro ma dobbiamo fare in fretta e soprattutto tutti e sempre più persone devono abbandonare i vecchi costumi assurdi e medievali …
    Abbiamo ancora 12 anni per evitare la catastrofe del nostro pianeta …

    Reply
  3. Sì Renata, alimentazione e impatto ambientale sono il fulcro attorno cui deve ruotare la riflessione sui futuri sconvolgimenti climatici. Le produzioni di carne, uova, latte e derivati hanno una responsabilità incredibile.

    I cambiamenti climatici non possono essere sufficientemente mitigati senza cambiamenti a livello di alimentazione, verso diete plant- based. Adottare un regime alimentare vegetale potrebbe ridurre di oltre la metà le emissioni di gas serra e ridurre da un decimo ad un quarto anche altri impatti ambientali. Ad affermarlo, un recente studio pubblicato sulla rivista scientifica Nature. Per coloro che volessero approfondire, ne abbiamo parlato in questo approfondimento: https://www.osservatorioveganok.com/giornata-mondiale-dellalimentazione-responsabilita-tra-produzione-e-consumo/

    Reply
  4. Queste sono notizie che spaventano il mondo dell’industria latteo-carnea, che dall’altra parte produce spot pubblicitari per la promozione di carne bio, galletti da mettere al forno ma che prima di essere mangiati vivono felici immersi nella natura… ma il consumatore, purtroppo per loro, è sempre più attento e consapevole, i dati parlano chiaro, certo è che purtroppo l’informazione molto spesso è manipolata dagli “sponsor”, sarà quindi fondamentale per capire l’attendibilità di certe notizie, verificarne le fonti.

    Reply
  5. Evviva! Queste sono le statistiche che ci piacciono! Sempre più vegetale e salutare! L’industria latto-casearia si aggiorni, modifichi le sue produzioni, si evolva!

    Reply
  6. Avatar

    Sono i 5 comandamenti di un ottimo stile di vita sia per se stessi che per chi ci circonda in questo modo il 2019 potrebbe essere l’anno di consolidamento e punto di svolta…

    Reply
  7. Avatar

    Quest moda di mangiare vegano rischia di far ammalare tante persone per carenze di vitamine che si trovano solo sulla carne

    Reply
    • Io invece verifico ogni giorno che aumentano le persone che scelgono di nutrirsi come noi vegani proprio per risolvere i problemi causati dall’alimentaziine a base di carne e latticini… e i risultati sono sempre evidenti. Togliendo dalla propria alimentazione le sostanze tossiche e cancerogene come carne e latticini, si fa un primo grande passo verso una corretta ed equilibrata alimentazione.

      Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti