Innovazione: il mercato della “carne” vegetale crescerà di 3,17 miliardi di dollari entro il 2024

Il mercato globale è sempre più orientato verso le alternative 100% vegetali alla carne e, secondo le previsioni, questo settore crescerà di $ 3,17 miliardi entro i prossimi 4 anni. Merito anche di aziende come Beyond Meat e Impossible Foods.

La domanda aumenta e di pari passo anche l’offerta: secondo un recente rapporto elaborato dalla società di ricerca Technavio, il mercato della “carne” a base vegetale dovrebbe crescere di $ 3,17 miliardi, con un CAGR del 17%, entro il 2024. Tra i paesi maggiormente coinvolti in questa crescita troviamo il Nord America, a cui si deve il 40% della crescita totale del mercato, con gli Stati Uniti a guidare in velocità il cambiamento verso le alternative plant based. Tra i fattori chiave coinvolti nell’aumento della domanda di questa tipologia di prodotti da parte dei consumatori spiccano senza dubbio la tutela della salute e la salvaguardia ambientale.

Sono sempre di più le aziende a livello internazionale impegnate nel tentativo di colmare il gap creato dalla richiesta di prodotti plant based da parte dei consumatori, sia ampliando le proprie referenze sul mercato sia attraverso una conversione totale della produzione: siamo di fronte a un vero e proprio business ormai consolidato, tanto più se si tiene conto che, secondo uno studio recente, il 90% dei consumatori di prodotti vegetali non è vegetariano né vegano. Tra le aziende citate nel report e maggiormente coinvolte nel cambiamento figurano Impossible Foods e Beyond Meat, entrambe leader nel settore dei prodotti alternativi alla carne con i loro burger vegetali che stanno cambiando il mondo. In particolare Beyond Meat, da poco quotata anche in borsa, è stata identificata dal business network CNBC come il marchio che nel prossimo decennio diventerà il più performante a livello globale nel proprio settore.

Anche l’Italia, però, è coinvolta nel cambiamento grazie a Joy Food Srl, un’azienda che con la linea Food Evolution propone tre prodotti che riprendono i gusti classici della carne e li declina in chiave completamente 100% vegetale. Anche il nostro paese, quindi, si adegua alle richieste del mercato globale e lo fa con una gamma di prodotti conformi allo standard VEGETALOK preparati con ingredienti gustosinaturali, di altissima qualità che rispondono alla necessità di alimenti etici, buoni per la nostra salute ma anche per l’ambiente.

  1. Se fossi un imprenditore in questo momento sceglierei di investire in un prodotto plant based bio made in Italy, il mondo va verso quella direzione, noi siamo una garanzia di qualità per l’estero!

    Reply
  2. Avatar

    Dove si trovano questi prodotti? Al supermercato non ne vedo

    Reply
    • In effetti non sono ancora così bene diffuso, ma stanno Pian piano aumentando da distribuzione… ancora un po’ di pazienza e probabilmente li troveremo in ogni zona d’’Italia
      🙂

      Reply
  3. VeganDelicious presenterà la gamma di salami (e anche formaggi) vegan bio e senza glutine proprio nei primissimi mesi di questo nuovo anno.

    Reply
  4. Il futuro è Plant based e queste notizie lo dimostrano sempre di più!

    Reply
  5. Sarà un continuo! Io mi auguro a differenza di quello che dicono in tanti che cominci la stessa voglia di investire, in formaggi vegetali 😅 e che la diffusione di questi prodotti sia massiccia!

    Reply
  6. La richiesta di cibi 100% vegetali in alternativa a formaggi e carne è in aumento e questa è un’ottima notizia. Io personalmente ho assaggiato i prodotti di Food Evolution e sono buonissimi 🙂

    Reply
  7. Avatar

    Perché imitare cibi di carne se si è vegani?

    Reply
    • Perché da vegano posso decidere di assaggiare e gustare ogni cosa che non abbia provocato sofferenza ad altri esseri viventi… per quale ragione non dovrei ?

      Reply
    • Avatar
      Rosangela Terzi 6 Gennaio 2020, 10:27

      Perché siamo abituati al gusto ed è più facile identificarli. Inventare cose nuove è più difficile. Lo dico per me ovviamente, ci sono vegani e vegeteriani che sperimentano e inventano piatti e ricette ogni giorno. Io non ne sarei capace.

      Reply
  8. Avatar
    Giovanni Lombardo 27 Gennaio 2020, 15:36

    Non vedo l’ ora che arrivino nella GDO i formaggi Sayve del grandissimo Emanuele Di Biase , i nuggets e i burger di Food Evolution .

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti