Influenza aviaria: abbattuti migliaia di animali in Europa, ma il virus non è pericoloso per l’uomo

Torna a preoccupare l’influenza aviaria, una malattia infettiva che colpisce principalmente gli uccelli selvatici e il pollame, ma che può diventare molto pericolosa anche per l’uomo. Il virus ha iniziato a circolare in maniera allarmante da questa estate e i paesi colpiti – tra cui Francia, Germania, Paesi Bassi, Gran Bretagna, Danimarca – hanno abbattuto migliaia di animali per cercare di arginare la diffusione del virus negli allevamenti avicoli.

Non solo Coronavirus: secondo una recente valutazione scientifica dell’Efsa – l’Autorità europea per la sicurezza alimentare – l’Europa è minacciata anche dall’influenza aviaria, malattia virale molto contagiosa che si sta diffondendo a una velocità allarmante in tutto il continente. Un problema da non sottovalutare, perché il rischio che si sviluppino nuovi focolai è concreto, dopo che il mese scorso sono stati segnalati 300 casi in Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Irlanda, Paesi Bassi, Svezia e Regno Unito. La maggior parte dei casi hanno riguardato uccelli selvatici, ma le autorità ritengono elevata la probabilità che il virus si diffonda agli animali negli allevamenti.

Per questo, anche se per ora non si tratta di un virus pericoloso per l’uomo, migliaia di polli, tacchini e galline negli allevamenti di diversi paesi sono stati abbattuti per evitare il diffondersi del patogeno in queste strutture. Una vera e propria mattanza, che ricorda da vicino quella che in questi mesi ha riguardato gli allevamenti di visoni, uccisi a milioni in Europa e non solo dopo che numerosi allevamenti sono risultati focolai di Coronavirus.

L’influenza aviaria, spiegano le autorità competenti, si sarebbe diffusa in Europa occidentale dalla Russia occidentale e dal Kazakistan: qui, l’estate scorsa, sono stati scoperti focolai che hanno interessato uccelli selvatici e pollame. Lo spostamento del virus è legato alla migrazione autunnale degli uccelli verso l’Europa continentale.

Influenza aviaria: a rischio gli allevamenti avicoli

Attualmente non sono stati segnalati casi nell’uomo; quello che preoccupa è il possibile mutamento del virus (che potrebbe quindi diventare pericoloso per l’uomo), così come la possibilità che questo colpisca in maniera ancora più massiccia gli animali negli allevamenti. Finora, sono stati abbattuti migliaia di animali (tra cui polli, tacchini, oche e fagiani) risultati positivi nei paesi in cui il virus ha iniziato a circolare, ma questo potrebbe essere solo l’inizio di uno sterminio senza precedenti. Parliamo di 500 volatili in Francia, 16 mila tacchini in Germania, 48 mila polli nei Paesi Bassi e 13 mila in Gran Bretagna: numeri che sono destinati ad aumentare a ritmi sostenuti.

Nik Kriz, responsabile dell’Unità EFSA “Salute animale e vegetale”, ha dichiarato: “Per prevenire un’ulteriore escalation di questi focolai sarà necessaria una stretta collaborazione tra le autorità competenti in materia di salute animale, pubblica, ambientale e occupazionale, in altre parole occorrerà un approccio di salute unica globale (“One Health”) in tutta Europa“.

Il punto, però, rimane sempre lo stesso: anche in questo caso siamo di fronte a una zoonosi, ovvero una malattia infettiva trasmessa dagli animali all’uomo, proprio come l’attuale Coronavirus. Come dimostrato anche da uno studio realizzato dall’Onu, le cause profonde che scatenano questo tipo di emergenza sanitaria sono legate anche alle attività umane. Tra queste, in particolare, l’aumento della domanda di proteine animalile forme intensive di allevamento e agricoltura nonché il cambiamento climatico, sono fattori strettamente connessi alla diffusione di patologie con potenziale pandemico. Se vogliamo essere in grado di affrontare e soprattutto di prevenire altre emergenze sanitarie, dobbiamo in primo luogo cambiare le nostre abitudini, specialmente quelle alimentari: soltanto spostare il consumo verso le proteine di origine vegetale può essere la chiave per salvare il pianeta.

Leggi anche:

Meno carne e derivati animali per fermare la crisi climatica: lo dicono (ancora) gli esperti dell’Università di Oxford

Consumo di carne e deforestazione: per l’Onu tra le cause delle prossime pandemie

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

  1. Il virus siamo noi. Finchè non smetteremo di sterminare i nostri fratelli animali è inutile illudersi sul nostro futuro

    Reply
  2. Avatar
    Renata BALDUCCI 28 Novembre 2020, 13:12

    DOBBIAMO SMETTERE DI ALLEVARE VITE DI ANIMALI COME CIBO…loro sono creature con diritto alla vita !!!
    Noi
    siamo una specie stupida , possibile che non abbiamo ancora capito ?

    Per il rispetto della vita loro e nostra
    Tutto questo sta uccidendo tutti e distruggendo gli equilibri di Madre Terra .

    Reply
  3. Che tristezza… e pensare che ormai è chiaro cosa potremmo e dovremmo fare per salvare gli animali e noi stessi.

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti