Giornata mondiale per i diritti degli animali: quanto sono lontani da sfruttamento e privazione della libertà?

Il 10 dicembre, dal 1998, si celebra nel mondo la Giornata per i Diritti degli Animali: un’occasione per puntare i riflettori su un tema complesso e ancora poco dibattuto, che ci porta a riflettere sui progressi fatti finora e su quelli che mancano per poter parlare di pieno rispetto degli animali non umani.

Oggi, nella Giornata Mondiale per i Diritti degli Animali, torniamo a parlare di libertà, dignità e vita come facoltà fondamentali negate a miliardi di animali nel mondo. E non è un caso che il 10 dicembre sia la data universalmente riconosciuta per puntare i riflettori su questo argomento, perché proprio il 10 dicembre del 1948 l’Assemblea delle Nazioni Unite redasse la Dichiarazione Universale dei diritti Umani. Un documento imprescindibile, che ha sancito in via definitiva il rispetto e la dignità per ogni essere umano.

Negli anni, però, attivisti e associazioni animaliste hanno iniziato a rivendicare giustizia e libertà anche per gli animali: il 10 dicembre del 1998, l’associazione animalista britannica Uncaget Campaigns (oggi Centre for Animals & Social Justice) ha istituito la giornata per i diritti degli animali, per fare in modo che gli stessi diritti inalienabili garantiti all’uomo, fossero estesi anche agli altri esseri viventi. Una richiesta che affonda le proprie radici nella Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Animale, sottoscritta nel 1978 a Parigi non con valore giuridico, ma come codice etico il cui rispetto avrebbe sancito un enorme progresso dal punto di vista culturale.

Diritti animali: quando gli animali non hanno diritti

Basta navigare per pochi minuti sul sito di un’associazione animalista o cercare sul web qualche video inchiesta, per rendersi conto che ancora oggi siamo lontanissimi dal rispetto di questo e di qualsiasi codice etico che coinvolga gli animali. Mentre quelli considerati “da affezione”, come cani e gatti, in Italia godono di una particolare tutela che non impedisce comunque maltrattamenti, abusi e sevizie, le tutele garantite agli animali considerati “da reddito” sono fumo negli occhi. Ormai da anni numerose associazioni animaliste documentano la situazione all’interno degli allevamenti intensivi, con immagini aberranti che si discostano dal concetto di “benessere” per come lo intenderebbe chiunque.

Viviamo in una società che priva gli animali della propria individualità e della propria libertà, considerandoli beni di consumo il cui unico scopo nella vita è soddisfare necessità e bisogni dell’uomo. Andare incontro agli animali e al loro “benessere” significa per molti alleviarne le sofferenze all’interno degli allevamenti, garantire loro uno spazio adeguato e una morte “umana” al momento della macellazione. Lo status quo che attribuisce all’uomo il diritto di utilizzare gli animali per i fini più disparati non viene mai messo in discussione, perché la visione dominante è ancora quella dello specismo.

Fare un passo indietro per fare un passo avanti

Lo sfruttamento degli animali è una pratica così radicata nella nostra società, che spesso passa inosservato, facendo da sfondo praticamente a ognuna delle nostre attività quotidiane. Eppure, in una società civile, gli animali non umani dovrebbero godere di una serie di diritti inalienabili che non facciano distinzione tra “animali di serie A” e “animali di serie B”, garantendo a tutti pari dignità e rispetto.

Parlare di diritti animali significa aprire un enorme vaso di Pandora per iniziare a occuparsi di un argomento trascurato per troppo tempo. Gli animali non umani hanno il diritto di non essere considerati una proprietà, indipendentemente da quanto siano amorevoli e preziose le cure che gli vengono riservate. Questo discorso, ovviamente, vale anche per i cani e i gatti che vivono nelle case di milioni di persone nel mondo. L’attivista e filosofo vegano Gary Francione, per esempio, sostiene che non basti una buona condizione di vita per gli animali per essere sicuri di aver garantito loro dei diritti. Gli animali “domestici” sono completamente dipendenti dagli esseri umani, conformi al loro volere, servili e addomesticati, indipendentemente da ciò che sia meglio per gli animali stessi. Questo, per Francione, risulta immorale al pari di qualsiasi sfruttamento.

Gli animali non umani hanno anche il diritto di non essere privati della libertà, né per entrare a far parte di un sistema alimentare folle e violento, né per intrattenere un pubblico annoiato al circo, allo zoo o in un acquario. Gli animali non umani hanno il diritto di non essere vittime della vanità dell’uomo, che li alleva e li uccide per ricavare abbigliamento e accessori spesso anacronistici, e sempre inaccettabili dal punto di vista etico. Gli animali non umani hanno semplicemente il diritto a una vita che non può e non deve più essere condizionata dall’uomo.

Le migliori 10+ immagini su MOOD | pagliacci, arte circense, pubblicità sociale

Dobbiamo rivedere la posizione di dominio che abbiamo deciso di attribuirci nel mondo, e capire finalmente che fare parte di una specie o di un’altra non ha nessuna rilevanza morale.

Sauro Martella, fondatore del Network VEGANOK, ha dichiarato:

Il fatto che esista una giornata mondiale per parlare dei diritti degli animali è un buon punto di partenza, ma non basta. Il nostro network è in prima linea da vent’anni per fare informazione su questo argomento, ogni giorno. Quello dei diritti animali è un tema importante e molto complesso, che meriterebbe un’attenzione maggiore da parte dei media e delle istituzioni; non dimentichiamo che il modo in cui trattiamo gli animali non umani riflette il progresso della nostra società e per adesso siamo ancora lontani dal poterci definire “civili”. È arrivato il momento di agire concretamente per sradicare lo specismo che ancora oggi è alla base di qualsiasi attività umana: noi di VEGANOK lavoriamo per informare e accrescere la consapevolezza delle persone, nella speranza che una giornata per i diritti degli animali non sia più necessaria.

 

Leggi anche:

Regno Unito: sarà il primo paese in Europa a vietare il trasporto di animali vivi, ma è davvero una vittoria?

Benessere animale: perché è fumo negli occhi?

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

  1. Gli animali hanno diritto di essere liberi. Lo specismo è una forma di distorsione della realtà che rende l’essere umano una creatura che manca di empatia.

    Reply
  2. Avatar
    Gian Maria Cavalieri 10 Dicembre 2020, 19:04

    C’è ancora molto, moltissimo da fare.

    Reply
  3. Avatar

    Purtroppo siamo ancora troppo, troppo lontani. Ma sono contenta che esista questa giornata in modo che tutti possano riflettere su questo tema.

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti