Giornata mondiale del latte vegetale: quali sono i numeri di questo settore?

Oggi 22 Agosto 2018 è il World Plant Milk Day (giornata mondiale del latte vegetale). Quali sono i numeri e le opportunità di questo settore in continua crescita?

Il World Plant Milk Day è un’iniziativa creata dal co-fondatore del magazine Plant Based News Robbie Lockie in collaborazione con il gruppo internazionale di sensibilizzazione alimentare ProVeg: è una celebrazione delle alternative vegetali al latte vaccino per dimostrare come la qualità e la quantità di prodotti plant based rappresentino una ragione per introdurli nella routine alimentare quotidiana. Le motivazioni principali promosse dall’inziativa? Il miglioramento della salute, dell‘ambiente e sopra ogni cosa, il benessere degli animali liberi dallo sfruttamento per fini alimentari.

L’iniziativa arriva in un momento di crescita per il settore del latte a base vegetale globale, che dovrebbe raggiungere 34 miliardi di dollari entro il 2024, rispetto agli 8,2 miliardi di dollari nel 2014: numerosi studi, dimostrano che un numero sempre maggiore di consumatori si allontanano dai prodotti lattiero-caseari. Fact: il consumo di latte vaccino sta diminuendo e il settore del latte vegetale sta crescendo.

Secondo ProVeg UK, questa tendenza rappresenta uno dei più grandi cambiamenti nella dieta globale di sempre, affermando: “Mai prima d’ora abbiamo visto persone in tutto il mondo transitare così rapidamente da un alimento alle sue alternative in questo modo”.

Zephie Begolo, responsabile delle campagne per ProVeg nel Regno Unito, ha aggiunto: “I consumatori possono ora acquistare una grande varietà di bevande vegetali alternative ai prodotti lattiero-caseari: sono più facilmente disponibili, complici, i grandi supermercati, le catene di negozi, dettaglianti e punti vendita alimentari che offrono spazio a questi prodotti. La tendenza sembra ormai inarrestabile.”

Secondo Rabobank, negli ultimi 10 anni il consumo di bevande alternative al latte è cresciuto ad un tasso annuale dell’8% ed ormai rappresenta, a livello mondiale, un valore al consumo che supera i 18 miliardi di dollari.

Dalle bevande più classiche come quelle di soia, riso, avena a quelle a base di canapa, riso nero, anacardi, sorgo, cocco, mandorle, nocciole, arachidi, pistacchi: l’inventiva è il vero motore propulsore di questo settore.

Paesi europei maggiori produttori ed esportatori di latte a base vegetale.

Qual è la situazione in Italia?

Il vegetale piace sempre di più tanto che entro il 2021 il nostro sarà il settimo al mondo fra i paesi che consumano maggiormente tipi di latte alternativo, secondo una ricerca condotta da Euromonitor International, società leader mondiale nelle indagini di mercato. Fino a non molto tempo fa, il più diffuso era il latte di soia, probabilmente perché più conosciuto ma ora sta perdendo il suo primato e sta rallentando le vendite (con un trend a volume del +2%, secondo un’indagine di Nielsen, altra società leader nelle ricerche di mercato). Ci sono altri prodotti che stanno conquistando il mercato come il latte di cereali e alle noci (+75,1% secondo Nielsen), tanto che anche le aziende produttrici di latte vaccino (come Parmalat e Granarolo, che hanno lanciato linee di prodotti alternativi) si stanno prendendo una fetta di questo mercato, nel quale le aziende italiane sono protagoniste fin dagli albori.

In Italia sono circa 12 milioni le persone che oggi consumano bevande vegetali, un dato in crescita del 5% rispetto alla fine del 2016. Si tratta di una categoria di bevande apprezzata da un pubblico di età compresa tra i 25 e i 54 anni, più femminile che maschile (58% donne) e con una fascia di reddito medio alto. In Italia questo mercato è cresciuto costantemente negli ultimi 4 anni con un incremento delle vendite a valore del 4,4% nel 2017 rispetto all’anno precedente (dati Nielsen).

Secondo l’ultimo studio dell’Osservatorio VEGANOK sui consumi del 2018, entro il 2024, il valore del latte vegetale e dei suoi sostituti arriverà a 34,4 miliardi di euro e i driver di spesa lato consumatore sono etica e consapevolezza sui temi legati alla salute.

I dati sono talmente incoraggianti che il caso latte vegetale sta arrivando anche nelle tribune e nei dibattiti politici: è recente la notizia del disegno di legge per la riduzione dell’iva sul latte vegetale dal 22% al 5%.

Opportunità per le aziende e conversione della linea produttiva. Il caso Elmhurst

Henry Schwartz Ceo Elmhurst

Elmhurst è stata fondata negli anni ’20 ed è  diventata uno dei più grandi produttori di latte vaccino della costa orientale degli Stati Uniti rifornendo un’area metropolitana di sette milioni di persone.

L’amministratore delegato Henry Schwartz ha dichiarato che la società ha sofferto negli ultimi anni rivelando che il latte vaccino pastorizzato ha subito un forte calo. Dice Schwartz: “non possiamo continuare a produrlo senza perdite. Non c’è molto spazio per il nostro tipo di attività che ho cercato di tenere in piedi per amore di mio padre (il fondatore)”. E aggiunge: “L’arresto riflette le tendenze in atto nel settore lattiero-caseario: una maggiore consapevolezza dei consumatori riguardo al trattamento delle mucche nell’industria del latte e la preoccupazione dei consumatori in merito a grassi saturi, colesterolo e ormoni sta causando vendite in calo anno su anno.

Su queste motivazioni, la fu “Elmhurst Dairy” ha abbandonato il caseificio ed è diventata semplicemente “Elmhurst” producendo la propria gamma di latte a base vegetale. Una conversione totale.

L’azienda ha debuttato con la sua nuova linea denominata “Milked” alla fiera Natural Foods Expo West ad Anaheim, in California a Marzo 2018. Schwartz afferma che la sua nuova gamma propone “quattro varietà: mandorle, nocciole, anacardi, noci e sopratutto, prodotto di punta, il latte di arachidi.” Le materie prime, lavorate con una macinatura a freddo, non contengono emulsionanti, addensanti, sbiancanti o proteine ​​alimentari.

  1. Avatar
    Marta Plivani 22 Agosto 2018, 8:43

    Ci sono dei prodotti che meglio di altri secondo me, hanno il merito di rendere più semplice la transizione verso un’alimentazione vegan: sono prodotti più favorevolmente accettati, scevri dallo scetticismo che a volte circonda l’alimentazione Plant Based: Il latte vegetale è tra questi. Insieme a sostituti della carne come i Burger, questi prodotti stanno cambiando i consumi anche di chi non sostiene un’alimentazione total vegan.

    Reply
    • Buongiorno Marta,
      Grazie per il suo contributo e per aver condiviso con noi la sua riflessione. Condivido il suo punto di vista: ci sono dei prodotti che effettivamente, sanno interpretare meglio il cambiamento cavalcando l’onda di quello che viene definito “comfort food” tradizionale. Latte vegetale e sostituti della carne come polpette o Burger interpretano benissimo questo aspetto: avevamo infatti pubblicato poco tempo fa un articolo proprio su questa tematica, parlando dei tre Burger che stanno cambiando la percezione del gusto vegan nel mondo. La invito, se le fa piacere, a leggere l’articolo a questo link: https://www.osservatorioveganok.com/la-top-3-dei-burger-vegetali-che-stanno-cambiando-il-mondo/
      Continui a seguirci e buona giornata!

      Reply
  2. Avatar

    Festeggerò la giornata mondiale del latte vegetale, dandomi all’autoproduzione di latte di cocco 🥥! E poi ci farò una mousse con gocce di cioccolato! W il latte cruelty free!

    Reply
  3. Avatar

    Questo è un articolo che va condiviso e fatto girare …
    molto molto interessante!
    Io utilizzo le bevande vegetali da anni ed anni anche quando queste non erano così gradevoli e così di varietà !
    E poi vorrei capire :
    Si può chiamare Latte ???
    Io dico sempre bevanda vegetale …
    Che mi dite ?

    Reply
  4. Buongiorno Noemi,
    La sua è un’ottima domanda: un tema sul quale si è dibattuto e si dibatte ancora molto. Dobbiamo distinguere tra linguaggio comune e denominazioni in etichetta.
    Ovviamente nel linguaggio comune siamo liberi di chiamare “latte”, il latte vegetale. La parola “latte” è un nome comune, non appartiene a nessun marchio e quindi siamo liberi di usarlo nel suo senso figurato. La questione riguardante ciò che può comparire in etichetta è diversa. Nel merito di una sentenza che ha visto coinvolta la società tedesca TofuTown, la Corte di giustizia dell’Unione Europea a giugno 2017 ha stabilito che: “I prodotti puramente vegetali non possono, in linea di principio, essere commercializzati con denominazioni, come «latte», «crema di latte o panna», «burro», «formaggio» e «iogurt», che il diritto dell’Unione riserva ai prodotti di origine animale”. Leggi la sentenza qui: https://curia.europa.eu/jcms/upload/docs/application/pdf/2017-06/cp170063it.pdf
    La decisione della Corte fa riferimento al regolamento comunitario 1234/2007 che è consultabile a questo link: https://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/3387
    A livello normativo dunque, si deve usare l’espressione “bevanda vegetale”.Gli unici casi in cui si può usare il termine latte in etichetta sono il latte di mandorla, il latte di cocco e il burro di cacao definite come ‘denominazioni tradizionali’.

    Reply
  5. Avatar

    È un’ottima cosa, meno maltrattamenti ed uccisioni di povere creature indifese .

    Reply
  6. Avatar

    Io ogni volta che vado a comprare un latte vegetale, prendo un tipo diverso: soia, riso, avena, canapa, riso nero, anacardi, sorgo, cocco, mandorle e così via rotazione , così oltre a non annoiare il palato posso beneficiare di tutte le proprietà nutritive delle diverse bevande. Mi. Sembra un’altro bel vantaggio rispetto a chi beve ancora latte vaccino! 😊

    Reply
  7. Avatar

    La cosa che però non mimè andata proprio giù è trovare il
    Latte vegetale di COCA-COLA …
    Questa cosa non l’ho proprio digerita .voi come la pensate in merito ?

    Reply
    • Avatar

      Mah, questa cosa della Coca Cola non mi sconvolge. Le multinazionali si comportano come tali e agiscono “coerentemente” nell’ambito del sistema capitalistico in cui sono inserite: coca-cola vuole diventare l’unica ad occuparsi di beverage, Amazon mira a diventare l’unico mercato globale, Netflix l’unico mezzo televisivo globale, Google l’unico database digitale globale e via dicendo… il problema non è la multinazionale, il nodo nevralgico della questione è il ruolo di chi consuma. I consumatori possono scegliere di non acquistare prodotti da parte di chi non agisce o produce eticamente. Se nessuno compra i latti della linea Adez di Coca Cola, sottrarremo spazio vitale alla multinazionale a vantaggio di altre realtà.

      Reply
      • Avatar

        Grazie 🙏
        Preferisco acquistare da aziende più virtuose e sicuramente se possibile italiane, proprio per queste motivazioni!

        Reply
  8. Avatar

    In crescita! L’evidenza di un mondo che cambia!!! 😃

    Reply
  9. Avatar

    Anche in italia molte aziende stanno calando la produzione di latte vaccino e aumentando la gamma di latte vegetale vedi Granarolo

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti