Formazione Università Politecnica delle Marche: attivato il corso di Agricoltura Biologica

Sono aperte le iscrizioni alla seconda edizione del corso di perfezionamento dell’UNIVPM. Scadenza iscrizioni: 5 ottobre. Ecco tutti dettagli.

Secondo gli ultimi dati resi noti da Sinab (Sistema d’Informazione Nazionale sull’Agricoltura Biologica) nel 2017 le superfici coltivate in Italia hanno superato l’1,9 milioni di ettari, con una crescita del 6,3% rispetto al 2016. In termini assoluti, nell’ultimo anno, sono stati coltivati con metodo biologico oltre 110 mila ettari in più. Ottimi i dati in arrivo dalla Sicilia (427.294 ettari), dalla Puglia (252.341 ettari) e dalla Calabria (202.119 ettari), che insieme detengono il 46% delle superfici coltivate a biologico. L’Emilia-Romagna si posiziona tra le prime cinque Regioni con 134.509 ettari totali, mentre la Lombardia è la regione che cresce di più (+21,4%): dati che indicano come la produzione vegetale biologica interessi sempre di più l’intero territorio nazionale. A fine 2017 il biologico è arrivato a interessare il 15,4 % della SAU(Superficie Agricola Utilizzata) italiana. Le aziende inserite nel sistema di certificazione per l’agricoltura biologica sono quasi 76.000, con un incremento del 5,2%. Dato il crescente interesse e il consolidamento di questo settore, stanno nascendo anche interessanti opportunità di formazione e specializzazione.

Per l’anno accademico 2018-19, presso il Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali dell’Università Politecnica delle Marche di Ancona, è istituito il

“Corso di perfezionamento in Gestione della Conversione alle Produzioni Agricole Biologiche e Biodinamiche”

Il Corso ha lo scopo di formare un tecnico in grado di fornire servizi alle aziende agricole e agro-alimentari in materia di gestione dell’ottenimento (conversione) e del mantenimento della certificazione prevista dal Regolamento CE 834/07 relativo alla produzione biologica e all’etichettatura dei prodotti biologici e biodinamici.

I contenuti del corso si articolano in quattro moduli i cui argomenti principali sono:

  • standard e legislazione;
  • fertilità del suolo e biodiversità dell’agroecosistema;
  • conversione dell’azienda agricola biologica e biodinamica;
  • integrazione della filiera.

Il corso è rivolto principalmente a personale aziendale e consulenti che vogliono conoscere i principi e i metodi dell’agricoltura biologica e biodinamica, con particolare riferimento alle principali filiere produttive italiane: Frutticola; Viticola; Olivicola; Orticola, Cerealicola.

Chi può partecipare:

Sono ammessi al concorso coloro che sono in possesso dei seguenti requisiti culturali o professionali: diploma di scuole media superiore o titoli analoghi conseguiti all’estero, riconosciuti dal Comitato Ordinatore ai fini della partecipazione al Corso.

Modalità:

Il corso si svolgerà presso le strutture del dipartimento in un arco di circa 6 mesi in 20 fine settimana (formula weekend): nel periodo dal 15 ottobre 2018 al 20 febbraio 2018. L’attività didattica complessiva comprende 440 ore, di cui 160 di didattica frontale e 20 ore di tirocinio pratico presso aziende agricole.

Per maggiori informazioni consulta il bando ufficiale a questo link: Bando ufficiale di iscrizione al corso di perfezionamento

Per maggiorni informazioni:

Tel.: +39 071 2202306
E-mail: [email protected]

Approfondimenti tematici sul tema del Biologico:

Tutti i numeri del Bio italiano: le motivazioni di spesa e le novità

Biologico: boom di acquisti nella grande distribuzione

Biologico: il nuovo regolamento europeo penalizza lo standard di qualità italiano

 

  1. Che bella notizia !
    Interessante davvero , speriamo che tutte queste attività di aggiornamento servano a formare giovani e meno giovani in questo campo che è importantissimo e che possano dare nuove possibilità lavorative .

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti