Eurispes 2021: vegani in aumento del +9% rispetto al 2020

I nuovi dati pubblicati da Eurispes confermano la scelta “veg” come consolidata in Italia: rispetto allo scorso anno aumenta il numero dei vegani che passano dal 2,2% al 2,4%. Diminuisce il numero di vegetariani

L’alimentazione plant-based si conferma una scelta stabile nel nostro paese. Secondo l’indagine Eurispes 2021, i vegetariani e i vegani sono l’8,2% della popolazione. Il 5,8% del campione intervistato è vegetariano e il 2,4% aderisce ad uno stile alimentare vegan. Rispetto al 2020, anno in cui si è raggiunto un massimo (l’8,9% della popolazione si è dichiarata vegetariana e vegana), diminuisce il numero di vegetariani – che passano dal 6,7% al 5,8% – ma aumenta il numero dei vegani che passano dal 2,2% al 2,4%.

Rispetto al 2020, quindi, siamo di fronte a un +9% dei vegani nel nostro paese.

Ciò che emerge da quest’indagine è una sostanziale stabilità nei numeri rispetto allo scorso anno, ma unificando le risposte “sono vegetariano” e “sono vegano”, nell’arco di tempo che va dal 2014 a oggi si nota che negli ultimi due anni i valori si attestano a livelli superiori rispetto alla media del periodo considerato (7,5%). Importante è sottolineare che i dati Eurispes coinvolgono un campione ridotto della popolazione, e potrebbero sottostimare la portata del fenomeno, anche perché non tengono conto di quella fetta di consumatori che sceglie di consumare quasi solo proteine vegetali, pur senza definirsi vegetariano o vegano. Si legge infatti che “l’indagine campionaria è stata realizzata su un campione probabilistico stratificato in base alla distribuzione della popolazione per sesso, classe d’età (18-24 anni; 25-34 anni; 35-44 anni; 45-64 anni; 65 anni ed oltre) ed area geografica (Nord-Ovest, Nord-Est, Centro, Sud e Isole) risultante dai dati dell’ultimo Censimento Istat. I questionari analizzati sono stati complessivamente 2.063 e sono stati somministrati tra novembre 2020 e gennaio 2021″.

Secondo il Rapporto Vegan Italia dell’ Osservatorio VEGANOK, stilato su un campione di 15 mila persone, già nel 2017 i vegani nel nostro Paese erano il 2,6% della popolazione. E dal 2017 il fenomeno si è senza dubbio rafforzato e consolidato. Siamo in un momento storico in cui il consumo di prodotti vegetali aumenta vertiginosamente e lo dimostra il fatto che sempre più consumatori abbracciano il “flexitarianism” facendo spazio a più prodotti vegani come parte di una dieta” flessibile “, aprendo opportunità per l’innovazione di cibi e bevande plant-based.

Vegetariani e vegani in Italia: quanti, come e perché?

Si conferma che sono soprattutto le donne a scegliere un’alimentazione vegetariana (6,9% contro il 4,7% degli uomini); parlando invece della scelta di vita vegan, gli aderenti sono in misura leggermente maggiore di sesso maschile (2,7% contro il 2% delle donne). Proprio gli uomini, più delle donne, dichiarano che sia la salute alla base della scelta alimentare “veg”, mentre le donne si configurano più degli uomini come vegetariane e vegane per rispetto nei confronti degli animali (il 22,6% contro il 18,4% degli uomini).

In generale, il 21,3% degli intervistati dichiara la scelta vegetariana e vegana legata alla salute, mentre per il 20,7% è rispettosa nei confronti degli animali. Le altre motivazioni alla base della scelta vegetariana riguardano la tutela dell’ambiente (11,2%), la voglia di sperimentare nuovi stili alimentari (9,5%) e la convinzione disacrificare quantità di cibo in favore della qualità, mangiando meno e meglio (5,9%).

Dichiara Renata Balducci, presidente di AssoVegan:

I dati Eurispes 2021 sono solo uno spaccato di una realtà che noi come AssoVegan viviamo e vediamo tutti i giorni: il numero dei vegani in Italia è in crescita costante, sono sempre di più le persone che scelgono di abbandonare lo sfruttamento animale per abbracciare lo stile di vita vegan. I consumi dei prodotti plant-based sono in aumento, e sempre più persone riconoscono nella scelta di non mangiare carne e derivati animali la strada giusta verso un mondo più giusto e felice.

 

Leggi anche:

Spesa: nel carrello degli italiani sempre più prodotti vegani e vegetariani

Vegan e vegetale significano la stessa cosa? Lo standard europeo

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

  1. Come sempre Eurispes fornisce dati spesso sottostimati, ma l’avanzamento della scelta VEGAN risulta a che a loro. Figuriamoci i dati reali quali sarebbero. GoVegan!

    Reply
  2. Al di la di come si vogliono interpretare i dati e delle motivazioni specifiche si va sempre più verso uno stile di vita “vegetale” e questa è una buona notizia

    Reply
  3. Avatar

    Bella notizia!

    Reply
  4. Le notizie che scaldano il cuore…

    Reply
  5. Avatar

    Siamo ancora pochini, ma la crescita è inarrestabile e sono sicura che sarà esponenziale nei prossimi anni 😊

    Reply
  6. Avatar
    Gian Maria Cavalieri 15 Maggio 2021, 10:48

    Crescita piuttosto lenta ma costante

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti