Estate 2019: ristorazione ed andamento dei consumi

Il bilancio dei consumi estivi rimane precario: tra i ristoratori la maggioranza pensa che la stagione chiuderà pari, o anche peggio, di quella dello scorso anno: è questo ciò che emerge dall’ultima indagine FIPE (Federazione Italiana Pubblici Esercizi)

Ma quali sono i piatti delle vacanze?

Al primo posto secondo le stime e le rilevazioni di FIPE, il piatto unico, meglio se vegetariano, forse non tanto o non solo per esigenze salutistiche quanto piuttosto perché in vacanza il tempo dedicato alla cucina non è poi così tanto. Sul podio anche la pasta. Si consuma meno la carne. Per le bevande, invece, tanta acqua per rimanere idratati e birra più che vino.

LA SPESA FUORI CASA E L’ANDAMENTO DEI CONSUMI ESTIVI

La spesa per il cibo dei 24 milioni di italiani che andranno in vacanza quest’estate – 11 milioni solo ad agosto – è di 6,5 miliardi, tant’è che quella per pranzi e cene in locali e ristoranti è la prima voce di spesa nel budget dei turisti.

Numeri importanti che, tuttavia, non sono sufficienti a fornire un quadro positivo dei consumi estivi dei due mesi già conclusi (giugno e luglio) e neppure di quello che sta per iniziare (agosto).  Tra i ristoratori i pessimisti prevalgono nettamente sugli ottimisti, e la maggioranza pensa che l’estate 2019 sarà come l’estate 2018. I risultati di giugno sono più o meno in linea con quelli dello scorso anno, è a luglio che la valutazione diventa più negativa, con un saldo tra chi ritiene che il mese sarà migliore dell’anno scorso e chi, al contrario, ritiene che sarà peggiore pari a -21,9%. Ad agosto la situazione migliora, ma sempre con molte riserve (-15,8%).

È tuttavia sul turismo interno che i giudizi sono più cauti, mentre per gli stranieri le indicazioni risultano improntate a maggior ottimismo. Nel dettaglio, il saldo tra chi dice che sono in aumento i flussi di italiani e chi dice che sono in flessione è pari a -9,6%, mentre il saldo delle risposte sui flussi degli stranieri è positivo (+5,7%). È già tempo di tirare le somme anche se la stagione è ancora lontana dalla chiusura. Il sentiment della ristorazione fortemente negativo con un saldo tra chi si aspetta una stagione migliore dell’anno scorso e chi, al contrario, se l’aspetta peggiore pari a -22%.

“Anche quest’anno la stagione estiva, complici le sempre più ricorrenti condizioni meteo sfavorevoli,ha faticato a prendere il via. – commenta Stoppani presidente Fipe – Ma il meteo da solo non basta a spiegare un quadro di pessimismo così accentuato tra i nostri imprenditori. Il clima di incertezza che si respira nel Paese è la vera zavorra che impedisce ai consumi, anche a quelli turistici, di spiccare il volo. Ma siamo ancora nel pieno della stagione e solo alla fine tireremo le somme”.

Fonte: Fipe

Leggi anche:

Home Restaurant: le nuove proposte e i nuovi luoghi dell’ospitalità 

Il veganismo come fattore chiave nel mondo della ristorazione 

Il ristorante del futuro: vegan, tecnologico e sostenibile 

  1. Dati interessanti… Strano il riferimento ai piatti “vegetariani” visto che appartengono a una cultura vecchia e non attuale. Si sa, il trend vero del mercato è “vegan”

    Reply
  2. L’estate vede consumi dedicati sicuramente a piatti freddi e tanta verdura …
    questo perché il caldo ci tiene più lontani da pietanze calde è troppo condite …
    Comunque in estate sempre meglio consumare cibo leggero , fresco ed idratante.
    Sarebbe bene mangiare anche un po’ meno specialmente la sera

    Reply
  3. “Si consuma meno carne” e’ senza dubbio la frase più bella ed incoraggiante!
    Mi stona la parola “vegetariano” ma non possiamo pretendere di più, un passo alla volta.

    Reply
  4. Un altra dimostrazione di quelli che sono i nuovi trend e questo lascia ben sperare

    Reply
  5. Il fatto che si consumi meno carne, seppure in un quadro non completamente positivo, è incoraggiante!

    Reply
  6. In estate non c’è niente di meglio che una insalatona fresca o una bella fetta di cocomero! Pasti leggeri e nutrienti. Altro che carne!

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti