Consumo di frutta e verdura aumentato per 1 italiano su 3 durante il lockdown

La forzata permanenza degli italiani fra le mura domestiche durante settimane del lockdown ha generato un aumento sostanziale del consumo di frutta e verdura fresca e trasformata. Si registra un +20,4% per l’acquisto di frutta e un+13,4% di acquisto della verdura: è quanto emerge dall’indagine “THE WORLD AFTER LOCKDOWN” a cura di Nomisma e CRIF.

Durante il lockdown sono cambiate molte abitudini di consumo; una dato legato al settore dell’ortofrutta risulta essere molto significativo: un italiano su 3 ha mangiato più frutta e verdura generando un aumento del valore delle vendite pari al 15,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Nelle settimane di permanenza in casa si è rilevata un’impennata in termini di quantità consumata di frutta e verdura, sia fresca che trasformata.

È quanto emerge dal focus sui consumi domestici di ortofrutta dell’osservatorio “THE WORLD AFTER LOCKDOWN” a cura di Nomisma e CRIF, che analizza l’impatto della pandemia COVID-19 sulle vite dei cittadini, grazie al coinvolgimento di un campione di 1.000 italiani responsabili degli acquisti (18-65 anni). Solo un 15% dichiara di aver diminuito i consumi.

Secondo la rilevazione di Nomisma, si tratta di dinamiche che riflettono ciò che accade all’intero paniere alimentare aumentato del 23% delle famiglie, mentre si assiste ad un calo diffuso per le spese rimandabili quali abbigliamento (38% ha ridotto gli acquisti) e arredamento (35%). Si legge nel comunicato ufficiale:

“L’incomprimibilità della spesa domestica per alimentare e bevande è un evidente effetto dell’incremento del numero di pasti at home, collegati alla pressoché totale chiusura del canale away from home e all’adozione dello smart-working. Per gli stessi motivi, oltre che per una generale ricerca per prodotti naturali e salutistici, le vendite di ortofrutta nella distribuzione modera hanno registrato un grande balzo durante il lockdown (+15,8% a valore la variazione 17/feb-26/apr 2020 rispetto allo stesso periodo 2019 – fonte Nielsen – la crescita 2020 nel periodo pre-Covid era stata invece del 3,3%). La crescita è stata sostenuta soprattutto dalla frutta (+20,4% a valore) rispetto alla verdura (+13,4%). Un driver importante sono stati i valori salutistici associati al consumo di frutta – in particolare di quella ricca di vitamina C, come le arance e kiwi, ma anche delle mele, categorie che più di altre hanno dato impulso agli acquisti.”

Dall’Osservatorio “The World after #Lockdown” di Nomisma e CRIF è emerso quanto segue:

✅ +20,4% per l’acquisto di frutta,
✅ +13,4% della verdura;
✅ il 69% dei responsabili acquisti delle famiglie dichiara di aver notato un incremento dei prezzi
✅ 1 su 3 ha aumentato le quantità consumate
✅ la vendita di ortofrutta nella distribuzione moderna è aumentata del 15% rispetto allo stesso periodo del 2019

Anche per il settore ortofrutta boom di acquisti online

Rispetto al periodo pre-Covid, gli italiani si sono maggiormente affidati ai negozi di vicinato e ai piccoli supermercati di prossimità; è diminuita la frequenza con cui si effettuano gli acquisti alimentari ed è aumentata la preferenza per punti vendita vicini alle abitazioni, sopratutto per quelli che hanno introdotto servizi quali click & collect, ordini telefonici, via WhatsApp o tramite sito internet (il 16% delle famiglie ha fruito del food delivery). Parallelamente a questo, si è consolidata l’abitudine di acquisto di frutta e verdura online. Una famiglia su 4 infatti ha acquistato ortofrutta tramite i siti web delle insegne della distribuzione organizzata; un ulteriore 15% ha fatto un acquisto nei siti di produttori/mercati agricoli on line.

Battuta d’arresto per i time-saver e aumento di surgelati

Con più tempo a disposizione per cucinare, gli italiani si sono dedicati alla buona cucina e accanto ai freschi, hanno generato un aumento sostanziale di frutta ed ortaggi surgelati presenti durante il lockdown in almeno una occasione nel carrello degli acquisti del 90% degli italiani – +30% a valore nelle vendite della GDO nel mese di marzo): la loro conservabilità ha incentivato la necessità di fare “scorta” coerentemente con lo stock effect a cui abbiamo assistito in queste settimane. All’opposto i prodotti time-saver e ready to eat, come gli ortaggi confezionati e già pronti all’uso in cucina e le zuppe e minestre pronte da scaldare, hanno avuto una lieve battuta d’arresto.

I valori emergenti a guidare gli acquisti

Il maggiore interesse per la salute e il benessere, unito al forte interesse per l’italianità che riflette sia sicurezza che forte senso di solidarietà verso il nostro paese, saranno i principali attributi che guideranno le scelte dell’ortofrutta nei prossimi 6 mesi.

Si conclude nell’indagine Nomisma- Crif:

“L’origine 100% italiana del prodotto sarà l’elemento chiave delle scelte degli italiani: il 60% dei responsabili acquisti dichiara, infatti, che questo criterio – già rilevante in passato – sarà ancora più centrale; a conferma è elevata anche l’importanza attribuita ai prodotti a km zero o del territorio (45%). Grande interesse si concentra anche nella ricerca di adeguate garanzie relativamente al controllo ed alla rintracciabilità lungo la filiera (45%). Tra gli altri valori determinanti i prodotti biologici (34%) e salutistici (32%), con un occhio anche alla sostenibilità, grazie alle confezioni in materiali riciclabili o comunque ecosostenibili (30%).

I consumatori di frutta e verdura, infine, faranno anche molta attenzione alla convenienza e al prezzo (42%), visto lo scenario di difficile congiuntura economica, che determinerà sempre più un forte ridimensionamento dei redditi e quindi della capacità di spesa degli italiani.”

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

  1. Avatar

    Peccato per l’aumento dei surgelati che hanno un impatto ambientale alto

    Reply
  2. Avatar
    Gian Maria Cavalieri 31 Maggio 2020, 10:37

    L’aumento dei prezzi l’ho notato anch’io e credo sia fisiologico, considerato il periodo storico che stiamo attraversando. Ottima la notizia che sempre più persone abbiano incrementato il consumo di frutta e verdura. Consumare alimenti vegetali dovrebbe essere una sana abitudine a prescindere.

    Reply
  3. La frutta e la verdura sono gli alimenti perfetti per la salute dell’essere umano. Basta carne!

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti