Commercio equo e solidale: vendite globali in crescita

I consumatori preferiscono acquisti sostenibili. Le vendite globali di prodotti Fairtrade sono aumentate dell’8% per un valore di € 8,5 miliardi di euro generando un premio a livello mondiale di € 178 milioni destinati alle organizzazioni di agricoltori e lavoratori da investire in progetti di sviluppo. Ci sono più di 30.000 prodotti equo solidali in vendita in tutto il mondo e i sette prodotti che occupano più del 90% della produzione sono banane, caffè, cacao, zucchero, tè, fiori e cotone.

Foglie di tè

Le vendite globali di prodotti Fairtrade sono aumentate dell’8% per un valore di € 8,5 miliardi di euro generando un premio a livello mondiale di € 178 milioni destinati alle organizzazioni di agricoltori e lavoratori da investire in progetti di sviluppo: è questo ciò che si rende noto attraverso l’ultimo rapporto annuale 2017-2018 di Fairtrade International consultabile integralmente qui:  “Working together for fair and sustainable trade”.

Quando si pensa al Fairtrade, immaginiamo immediatamente il nostro caffè o cioccolato preferito, o forse banane, tè o qualcuno dei tanti altri prodotti contenenti ingredienti solidali trovati sugli scaffali dei supermercati di tutto il mondo.

Fairtrade è in realtà un sistema globale che rappresenta oltre 1,6 milioni di agricoltori e lavoratori in tutto il mondo. Alla fine del 2017, era cresciuto a quasi 1600 organizzazioni di produttori certificate in 75 paesi. Lo scopo finale? Assicurare che gli agricoltori e i lavoratori abbiano un posto al tavolo del commercio globale. Nel 2018 l’Assemblea Generale ha ribadito l’importanza delle azioni affrontare il cambiamento climatico e migliorare il le condizioni di lavoro e i redditi degli agricoltori.

Trattandosi di un percorso verso mezzi di sussistenza sostenibili per gli operatori delle filiere alimentari, il volume di vendita è fondamentale: più i produttori possono vendere a condizioni equo solidali, più ne traggono vantaggio. Oltre al prezzo di vendita, le organizzazioni di produttori ricevono una somma aggiuntiva chiamata Fairtrade Premium. Questi fondi vanno verso progetti scelti democraticamente e hanno lo scopo di avvantaggiare le imprese e le comunità dei produttori. Nel 2017, i lavoratori nel circuito del commercio equo e solidale hanno generato € 178 milioni in Fairtrade Premium: un aumento del 19% rispetto all’anno precedente.

I sette prodotti che fruttano di più e che rappresentano più del 90% della produzione:

  • Banane
  • Caffè
  • Cacao
  • Zucchero
  • Tea
  • Fiori
  • Cotone

Fonte: report Fairtrade

Ci sono più di 30.000 prodotti equo solidali in vendita in tutto il mondo e come già spiegato, le vendite al dettaglio di prodotti hanno raggiunto € 8,5 miliardi nel 2017, con una crescita dell’8% rispetto all’anno precedente.

In particolare, le vendite di cacao sono aumentate del 57%. Le vendite di zucchero Fairtrade hanno registrato una forte crescita, del 30%, recuperando il calo significativo dovuto alla decisione dell’Unione Europea, nel 2015, di abolire i limiti sulla produzione di prodotti in concorrenza con lo zucchero di barbabietola europeo. I coltivatori di caffè del commercio equo e solidale hanno beneficiato di un aumento delle vendite del 15% e i produttori di banane hanno venduto l’11% in più rispetto all’anno precedente.

Il Regno Unito, la Germania e gli Stati Uniti sono stati i più grandi mercati Fairtrade in base alle vendite al dettaglio, mentre più del 50% dei paesi con un’organizzazione nazionale interna Fairtrade, ha registrato una crescita a due cifre nel 2017. Le vendite in paesi senza un’organizzazione nazionale Fairtrade, vale a dire i nuovi mercati Fairtrade, sono cresciute a un tasso combinato del 45%.

I prodotti del circuito equo e solidale arrivano sugli scaffali dei supermercati come prodotti singoli come cacao confezionato, zucchero o fiori recisi, oppure possono essere incorporati in prodotti con un’ingredientistica più articolata: il cacao in una barretta di cioccolato, lo zucchero in un biscotto o i fiori in un bouquet.

Dal 2014, le aziende sono state in grado di acquistare cacao, zucchero e cotone certificati Fairtrade come componenti di un prodotto finito (denominato Fairtrade Sourcing Program). Questo fa una grande differenza per i produttori: questa maggiore flessibilità dovrebbe produrre più vendite e maggiori benefici per gli agricoltori e i lavoratori, consentendo al contempo una scelta più ampia di prodotti sostenibili per i consumatori.

Ha commentato Darío Soto Abril, Global CEO di Fairtrade International:

“Crediamo che tutti gli agricoltori e i lavoratori meritino di guadagnarsi da vivere per ciò che coltivano. Negli ultimi due anni, i cali significativi dei prezzi del caffè e del cacao sul mercato globale – che hanno gravato sugli agricoltori stessi – hanno messo in evidenza che un prezzo equo deve essere uno degli elementi chiave di un problema complessivo dei redditi dei piccoli agricoltori”.

 

  1. Io vivo in una zona non molto servita ma,pur di fare acquisti sani e consapevoli, mi sposto e faccio la spesa una volta alla settimana/ 10 gg

    Se vogliamo davvero risultati , dobbiamo partire da noi per far qualcosa e dare il buon esempio !

    Non si può sempre chiedere agli altri : occorre fare in prima persona!

    Reply
  2. Anche io preferisco acquistare i prodotti solidali quando faccio la spesa.

    Reply
  3. Tutte le merci dovrebbero essere prodotte senza sfruttamento dei lavoratori. E tutte le merci dovrebbero essere biologiche e vegan. Questa sarebbe la normalità in un mondo civile.lavoriamo per questo.-

    Reply
  4. È importante sempre più garantire il rispetto di tutti e quindi non solo degli animali ma anche degli esseri umani

    Reply
  5. Davvero un report importante questo. La sensibilità verso consumi consapevoli a 360 gradi è in aumento!
    Rispetto per chi lavora , per l’ambiente e per la vita di ogni essere vivente deve divevtare la regola unica è fondamentale se vogliamo garantire un futuro alle generazioni a venire !
    L’impronta del nostro stile sconsiderato di vita è davvero troppo pesante !
    Ci vuole una frenata brusca e… guardiamo attorno a noi ! Più consapevolezza è necessaria
    La vita è il bene più prezioso: ci è concessa una volta sola !
    Go Vegan end Peace!

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti