Carne e intossicazione alimentare: il caso della mensa scolastica di Pescara.

Intossicazione da batterio Campylobacter per 180 bambini e personale scolastico. Quali sono gli sviluppi della vicenda e quali considerazioni sulla somministrazione massiva delle carni nelle mense scolastiche delle scuole di tutta Italia?

Sono 180 gli studenti e i professori di numerosi istituti di Pescara vittime, la scorsa settimana, di una intossicazione alimentare causata dalla presenza di un batterio: dopo aver escluso le ipotesi di virus e di salmonella, le analisi di laboratorio hanno portato al batterio Campylobacter. Si tratta di uno dei batteri più diffusi al mondo e la sua trasmissione nell’uomo – spiegano i medici – è dovuta a cibi contaminati: in particolare, carni crude non trattate o poco cotte, soprattutto se di pollo. Il batterio in genere si trova negli apparati gastroenterici di polli, anatre, oche, e conigli allevati e anche in quelli selvatici (piccioni, fagiani, gabbiani). La sua diffusione è molto rapida: la Fsa (Food Standards Agency) britannica, tracciando delle linee guide, sconsiglia ad esempio di lavare il pollo sotto l’acqua perché, in caso di carne contaminata, i soli schizzi di acqua, potrebbero diffondere velocemente il campylobacter aumentando il rischio di contaminazione crociata ( fonte www.food.gov.uk/safety-hygiene/campylobacter)

La campylobatteriosi è una delle malattie batteriche gastrointestinali più diffuse al mondo e il suo tasso di incidenza ha superato in alcuni Paesi europei quello relativo alle salmonellosi non tifoidee. La maggior parte delle persone che si ammalano da campylobacter guariscono completamente e rapidamente: i bambini sotto i cinque anni e le persone anziane sono più a rischio perché potrebbero avere un sistema immunitario più debole. I sintomi variano e consistono in diarrea, dolori addominali, febbre, mal di testa, nausea e vomito in un lasso di tempo che va da da uno a sette giorni. La sua diffusione negli ultimi 10 anni ha registrato un incremento e rappresenta un problema inerente alla salute pubblica da non sottovalutare specialmente nell’ambito del dibattito sulla antibiotico-resistenza: secondo l’ultimo rapporto sulla resistenza agli antimicrobici nei batteri (Amr) a cura dell’Efsa (Autorità europea per la sicurezza alimentare) oltre il 10% dei batteri di campylobacter coli riscontrati negli esseri umani mostravano resistenza a due antimicrobici (fluorochinoloni e macrolidi), che vengono impiegati per curare infezioni gravi da campylobacter nell’uomo (www.efsa.europa.eu/it/press/news/170222).

Quali sono gli sviluppi della vicenda nel capoluogo abruzzese?

Il 7 giugno 2018 la Procura di Pescara ha disposto il sequestro di tutti i centri cottura che servono le mense scolastiche cittadine. Gli indagati sono 4, tra cui la presidente di CirFood che gestisce il servizio mense scolastiche con BioRistoro Italia. I reati ipotizzati sono adulterazione e contraffazione di sostanze alimentari, commercio di sostanze alimentari nocive e lesioni colpose.

La Cir Food si è difesa ponendo l’accento sulla possibile contaminazione delle acque del rubinetto delle scuole e ritenendo dunque che l’intossicazione non abbia avuto origine dal consumo delle carni somministrate in mensa: affermazioni che non hanno trovato alcun riscontro. Ad oggi il servizio di mensa è temporaneamente sospeso e non sarà possibile portare il cibo da casa in quanto non vi sono spazi idonei e alternativi che garantiscano le prescrizioni richieste dal Miur per il consumo e la conservazione del cibo, “considerato che i luoghi destinati a refezione e mensa al momento risultano interdetti a causa degli accertamenti giudiziari in corso”. È quanto è stato deciso nella riunione tenutasi l’8 Giugno 2018 dall’Amministrazione comunale con i dirigenti degli Istituti Comprensivi, convocata per definire le modalità attraverso cui portare avanti, fino al 30 giugno, le attività scolastiche nelle scuole materne.

Il rischio microbiologico legato al consumo di carne è sempre alto: i rischi sono molteplici in tutta la filiera. Perché non prendere spunto da vicende come queste per pensare a dei miglioramenti nei menù delle mense scolastiche sottraendo spazio alla carne e prediligendo prodotti vegetali che hanno meno rischi in tema di sicurezza alimentare?

FoodInsider, un isituto di ricerca non istituzionale sulle mense scolastiche, ha stilato una classifica per l’anno scolstico 2017/2018 sui comuni virtuosi in merito alla salubrità dei menù proposti nei comuni di tutta Italia. Ciò che emerge è che il consumo di carni rosse in linea di massima è dominante a dispetto di quanto indicato nelle Raccomandazioni dell’OMS.

Fonte: sito web ufficiale FoodInsider

Nella classifica dei menù invernali delle scuole primarie di 51 comuni, dal Nord al Sud Italia, Cremona si piazza al primo posto con il menù considerato più equilibrato e appetibile, ad Asti e Civitanova Marche la maglia nera per l’abbondanza di carni rosse e salumi e per una ridotta proposta di legumi; in mezzo ci sono tante buone pratiche, dalla trasparenza del menu di Bolzano alla sostenibilità di Trento, fino alla rivoluzione di Sesto Fiorentino che è passato da “mensa industriale” a “mensa del territorio” puntando sulla “filiera corta.

Diminuire la carne per diminuire i rischi connessi al consumo e per la salute dei bambini in linea con le Raccomandazioni dell’OMS e il Codice Europeo contro il Cancro“: è quanto aveva dichiarato il Dott. Franco Berrino (medico ed epidemiologo italiano) nel’ambito di una inchiesta di Report sulla qualità dei menù delle mense scolastiche e aveva aggiunto: “l’errore principale delle linee guida ministeriali è l’eccesso di proteine animali“.

Riportiamo a questo link, l’inchiesta di Report. Al minuto 11:08, segnaliamo l’approfondimento di Sabina Bietolini Biologa Nutrizionista membro del Comitato Scientifico di AssoVegan – Associazione Vegani Italiani Onlus, in merito ai vantaggi di menù completi, equilibrati e sopratutto plant based.

  1. Ci preoccupiamo tanto dei nostri figli su mille aspetti e poi li lasciamo mangiare queste schifezze.

    Reply
    • L’aspetto scandaloso è la somministrazione massiva di carni e salumi in misura anche maggiore rispetto alle linee guida ministeriali e a dispetto delle raccomandazioni dell’OMS e del Codice Europeo contro il Cancro in merito al loro consumo. Il cambiamento deve partire con l’informazione: i genitori non devono accettare passivamente ciò che viene proposto ai loro figli ma devono esigere un miglioramento e un’adeguamento dei menù in linea con le informazioni scientifiche attualmente disponibili.

      Reply
  2. Il problema è c’è nelle nostre scuole di fatto sono obbligati

    Reply
    • In realtà non si è propriamente obbligati: si può richiedere il menù vegetale per i propri figli. Una recente circolare del Ministero della Salute ha reso chiaro che per richiedere il menù vegetale, il certificato medico (che prima veniva richiesto) non è necessario. Quindi cosa si può fare? Bisogna informarsi prima presso il proprio Comune per verificare se i menù vegani sono già previsti se sì, occorre chiedere alla scuola di adeguarsi alla normativa comunale. In caso contrario, occorre compilare il modulo del servizio di ristorazione comunale e chiedere esplicitamente un menù plant-based. Cambiare si può, con tanto impegno e volontà.

      Reply
  3. leggo di molti casi dove senza un certificato medico ai bambini vegani viene imposta l’assunzione di carne contro il volere dei genitori, quindi l’obbligo di fatto c’è

    Reply
  4. Penso che i “prodotti “ ( non amo definire così pari di essere vivente sfruttato ed ucciso) di origine animale non debbano essere consumati nelle mense , nelle scuole .
    Ci sono due motivazioni a pare mio , una etica ( basilare ) , l’altra di sicurezza sanitaria.
    Ecco perché la scelta per il
    Futuro dovrebbe essere vegan

    Reply
  5. si vabè ma qui il problema è la scarsa qualità del servizio e del cibo che viene dato…di per sè il problema non è la carne. Il problema del menu vegetale è che 1. ai bambini non piace e si rischia di buttare via molto cibo e che i bambini stiano male perchè denutriti. 2. i legumi oltre ad essere molto odiati sono poco digeribili e si rischierebbe molti “mal di pancia”, ogni volta che ci sono le zuppe e i minestroni è un viavai al bagno e in infermeria 3. la soia oltre ad essere pericolosa per la salute non si può dare per il problema delle allergie, è un forte allergene e va evitato. 4. il seitan è glutine concentrato e oltre a fare malissimo, è pericoloso per le allergie. 5. tutte quei nuovi ritrovati tipo formaggio vegetale a base di frutta secca sono anch’essi da evitare perchè con la frutta secca anche lì si rischia gli shock anafilattici. L’unica possibilità sarebbe una mensa con solo piatti di ortaggi e cereali…ma le proteine? il ferro? non è molto salutare. Meglio un pò di tutto, poca carne, meglio se bianca. Ps. Sono da 4 anni nel comitato Mensa della scuola di mio figlio.

    Reply
  6. Alessandra Righi 19 giugno 2018, 16:59

    Ci sono famiglie che ogni giorno devono combattere per far si che i propri figli mangino vegan, chiedono certificati medici ci rendiamo conto? E poi somministrano alimenti cancerogeni come la carne rossa. Chi se lo può permettere manda il figlio alla scuola privata, altri devono sottostare a questo regime, è uno strazio quando arriveremo al vero cambiamento?

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti