Carbonara day 2021: rivisitare in chiave vegetale i piatti della tradizione si può

Nella giornata in cui si celebra il piatto romano più famoso del mondo, vogliamo parlare di tradizioni, e soprattutto dell’importanza di reinventarle. La carbonara vegan rappresenta il successo dell’innovazione dell’industria plant-based, ed è solo uno degli esempi che potremmo fare: riscrivere la tradizione in chiave vegetale è possibile!

Il 6 aprile si celebra in Italia e nel mondo il Carbonara Day – promosso dai pastai di Union food e da Ipo (International Pasta Organization) con il sito We Love Pasta – per rendere omaggio a uno dei piatti italiani più famosi. Le origini di questa ricetta romana risalgono al Secondo dopoguerra e da allora sono state decine le rivisitazioni, più o meno apprezzate, della ricetta originale. Quello che è certo è che questo piatto è uno dei simboli dell’Italia nel mondo, tanto che ad oggi l’hashtag #Carbonara conta oltre 1.4 milioni di post su Instagram.

Altrettanto certo è che viviamo in un’epoca di cambiamenti e che arriva il momento in cui alcune tradizioni possono e devono essere reinventate. Le tradizioni definiscono una cultura, la rendono riconoscibile nel mondo e da sempre rappresentano il mezzo per conservare la memoria di una comunità. La loro importanza è innegabile, com’è innegabile che ancora oggi si portino avanti, “in nome della tradizione”, usanze dannose per l’uomo, gli animali e l’ambiente. Il nostro compito, nel 2021, è acquisire consapevolezza e scegliere quali tradizioni rappresentano la nostra identità, e quali invece sono il retaggio di un passato da mettere da parte.

Come ci ricorda lo chef Francesco Basco, coordinatore della VEGANOK Academy, “quando si parla di cucina, rispettare la tradizione è quasi un obbligo. Però il mondo cambia e così dovremmo ripensare al concetto di tradizione: credo che si possa considerare tale anche il poter preparare con le proprie mani qualcosa di genuino, indipendentemente dagli ingredienti. Possiamo creare noi nuove tradizioni, ricordando che si può mangiare bene e senza rinunce, anche (e soprattutto) quando si sceglie una dieta a base vegetale.”

Carbonara vegana: l’evoluzione della tradizione

Carbonara Veg – Food Evolution – In tutti gli Esselunga

Crediti foto: foodevolution.it

La tendenza al cambiamento è chiara quando si guarda alle ricette della tradizione, come appunto la celebratissima carbonara, che negli ultimi anni ha vissuto un vero e proprio “restyling” in chiave vegetale. Sul web non si contano le ricette che propongono una versione animal-free del celebre piatto romano e su Instagram l’hashtag #vegancarbonara conta oltre 8 mila post.

La rivoluzione delle ricette tradizionali in chiave vegetale passa anche e soprattutto attraverso l’innovazione: oggi preparare una carbonara vegan “tradizionale” è possibile grazie alle aziende che producono alternative vegetali ai prodotti animali. Ecco quindi che i dadini gusto pancetta di Food Evolution possono sostiture il guanciale, mentre il preparato Vegg Fast Red, prodotto da Fast Ingredients, è l’alternativa vegan al tuorlo d’uovo; il formaggio vegetale al pepe nero Sayve, può invece prendere il posto del pecorino.

Per fare un altro esempio, il ragù alla bolognese si può preparare sostituendo la carne con del granulare di soia, mentre la pasta cacio e pepe si può realizzare con un formaggio vegano stagionato. Replicare il gusto, l’aspetto e gli aromi delle ricette della tradizione con ingredienti cruelty-free e sostenibili non solo è possibile, ma è anche una delle tendenze del momento. Senza contare che moltissime ricette della tradizione italiana sono già vegetali al 100% nella loro preparazione originale: la semplice pasta al pomodoro, la farinata genovese, la ribollita toscana o la caponata di melanzane sono solo alcuni degli esempi che potremmo fare.

L’alimentazione plant-based è quanto di più lontano dal concetto di rinuncia e privazione, anche grazie al lavoro di moltissime aziende che puntano a occupare il settore delle alternative vegetali ai prodotti animali. Il mercato offre ormai decine di ingredienti vegan che permettono di cucinare ricette della tradizione, e questo non deve essere visto come un “affronto” o una provocazione. Le tradizioni si possono riscrivere alla luce di nuove consapevolezze e nuovi paradigmi, senza per questo allontanarsi dalla propria cultura e dalle proprie radici.

Leggi anche:

Formaggio vegan: uno dei simboli della rivoluzione vegetale, anche in Italia

Carne vegetale: è boom anche nel 2021. Food Evolution al Tg1 tra innovazione e successo – VIDEO

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

  1. La carbonara VEGAN è buonissima !!!
    La mangio da sempre !
    🙂

    Reply
  2. Avatar

    Le diversità vanno sempre rispettate,
    spazio al Ragù e al Vagù,
    spazio alla Carbonara e alla Varbonara.

    Reply
  3. Ormai la carbonara vegan ha superato alla grande quella con pezzi di poveri animali!

    Reply
  4. Avatar
    francesco basco 6 Aprile 2021, 12:15

    Sfido qualinque onnivoro ad un confronto a colpi di carbonara vegan

    Reply
  5. Avatar

    Carbonara vegan top!

    Reply
  6. Avatar

    Carbonara vegan che voglia!

    Reply
  7. Avatar
    Gian Maria Cavalieri 7 Aprile 2021, 20:52

    Una carbonara vegan ben fatta non ha nulla da invidiare a quella tradizionale.
    Enorme particolare (scusate l’ossimoro): non ha ammazzato direttamente nessuno.

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti