Caramelle gommose e dolcetti: quali ingredienti non vegan si nascondono nella calza della Befana?

Se è vero, come recita un detto popolare, che l’Epifania “tutte le feste porta via”, è anche vero che lo fa nel modo più dolce. Da tradizione, in questo giorno si consumano caramelle gommose e dolcetti, ma di cosa sono fatti?

Colorati, allegri e invitanti, i dolcetti e le caramelle gommose sono uno dei simboli dell’Epifania e una parte irrinunciabile delle festività per moltissime persone. Quello che non tutti sanno, però, è che spesso contengono uno o più derivati animali, oltre che quantitativi spropositati di zucchero raffinato, molti conservanticoloranti, addensanti, acidificanti come acido citrico e acido malico, aromi chimici estratti mediante solventi. Non mancano in commercio prodotti più salubri con ingredienti di origine vegetale, ma ad ogni modo i principali prodotti nella grande distribuzione hanno una formulazione molto ricca di queste componenti.

Parlando di ingredienti di origine animale, la gelatina alimentare è tra quelli più comuni all’interno di caramelle e dolcetti. È riportata in etichetta con la sigla E441 e si tratta di un materiale gelificato, impiegato sia a scopo alimentare che cosmetico/farmaceutico. La sua presenza è molto comune nelle caramelle gommose. È ottenuta dai prodotti di scarto degli animali da macellazione – soprattutto bovini e suini.

Quadro normativo

La definizione per questo ingrediente viene fornita dal regolamento CE 853/2004, che stabilisce norme specifiche in materia di igiene per gli alimenti di origine animale:

«Gelatina»: proteina naturale e solubile, gelificata o non, ottenuta per idrolisi parziale del collagene prodotto a partire da ossa, pelli, tendini e nervi di animali”.

Inoltre il regolamento indica che: “per la produzione di gelatina destinata all’utilizzazione negli alimenti possono essere impiegate le seguenti materie prime:
a) ossa diverse dai materiali specifici a rischio secondo la definizione di cui all’articolo 3, paragrafo 1, lettera g), del regolamento (CE) n. 999/2001 del Parlamento europeo e del Consiglio (1);
b) pelli di ruminanti d’allevamento;
c) pelli di suini;
d) pelle di pollame;
e) tendini e legamenti;
f) pelli di selvaggina selvatica.

Caramelle: gli altri ingredienti “nascosti”

Se la gelatina è senza dubbio l’ingrediente di origine animale più presente all’interno delle caramelle gommose, è vero anche che ci sono altri ingredienti che rendono questo tipo di prodotto non compatibile con la scelta vegana:

  • Carminio: è un colorante rosso riportato in etichetta con la sigla E120; si ottiene dall’insetto cocciniglia, in particolare dalle femmine gravide che vengono macinate per ottenere una polvere colorante.
  • Albume d’uovo: parlando di dolcetti dell’Epifania, è impossibile non fare riferimento al “carbone” che però, nella versione tradizionale, è preparato con albumi d’uovo; le alternative vegetali in commercio non mancano, e semplicemente omettono questo ingrediente trovando un equilibrio tra le altre componenti della ricetta.
  • Latte vaccino: uno tra gli ingredienti più usati dall’industria dolciaria, è presente in numerose tipologie di caramelle (specialmente ripiene).
  • Zucchero raffinato: anche se si tratta di un alimento di per sé vegetale, lo zucchero bianco può non essere considerato vegan se sbiancato con derivati animali, come il carbone ottenuto dalle ossa di alcuni animali. Per evitarlo, è necessario scegliere caramelle con zucchero non raffinato o marchi – come quelli che aderiscono allo standard VEGANOK – che usano zucchero sbiancato con metodi compatibili con la scelta vegan.
  • Gommalacca: è un additivo usato spesso per trattare la buccia di frutta come mele, arance o limoni, ma è impiegato anche nell’industria dolciaria come agente di rivestimento. La gommalacca è presente in etichetta con la sigla E904, ed è ottenuta dalle secrezioni di un piccolo insetto, la Tachardia lacca, della famiglia della Cocciniglie.

Leggi altri contenuti e approfondimenti come questo sul numero speciale di Osservatorio VEGANOK Magazine!

Clicca qui per scaricare gratuitamente la tua copia: magazine.veganok.com

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

  1. Purtroppo non tutti sanno cosa contengono questi prodotti e i bambini ne consumano quantità spropositate… è bene fare la giusta informazione!

    Reply
  2. Articolo veramente interessante! Le caramelle gommose non vanno acquistate: oltre a contenere gelatina fanno anche male!

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti