Arte fredda: nel 2021 il gelato è “free from”, etico e sostenibile

La stagione del gelato è alle porte e si delineano i nuovi trend per il 2021: seguendo le richieste di mercato, i produttori punteranno su prodotti “milk free” – sostituendo il latte vaccino con latte di cocco, avena o mandorle – e su packaging “green” in nome della sostenibilità.

Etico, “free-from” e sostenibile: queste sono alcune delle nuove tendenze 2021 per il gelato artigianale. A delinearle è l’Osservatorio HostMilano, proprio nel momento in cui la stagione del gelato sta per ripartire. Quest’anno sarà caratterizzato dalla ricerca di salute e benessere anche in questo settore, nel quale la tradizione ha un ruolo importante ma è affiancata da proposte innovative che rispondono alle richieste di un mercato in continuo cambiamento. Ecco allora che il latte vaccino, protagonista indiscusso in gelateria, nel 2021 viene sostituito dalle alternative vegetali: latte di cocco, mandorle e avena diventano la base per realizzare un gelato “healthy” senza derivati animali, adatto non solo ai vegani ma anche alle persone con allergie e intolleranze.

Tra le nuove tendenze spicca anche il gelato realizzato con materie prime di qualità e addizionato con ingredienti benefici per la salute. Un trend che risponde al cambiamento negli stili di vita dei consumatori, che – a causa della pandemia –  cercano sempre più alimenti sani e capaci di rinforzare il sistema immunitario. I nuovi gusti per il 2021 mettono in campo più che mai i superfood, rinnovati da probiotici e fermentati, e si avvicinano al concetto di gelato nutraceutico, che avevamo analizzato già diverso tempo fa.

La gelateria artigianale punta anche su ingredienti vegetali innovativi: carota, rabarbaro, spinaci – ma anche fiori ed erbe selvatiche – aghi di pino, ortica, aneto, peonia, saranno i protagonisti della stagione 2021. “Il mondo del gelato è in evoluzione grazie alla conoscenza delle materie prime e delle fibre naturali. Ormai i gelatieri sono piccoli chimici che assemblano le eccellenze per far uscire la dolcezza del nostro Paese“, dichiara Claudio Pica, segretario generale dell’Associazione Italiana Gelatieri che ha partecipato all’edizione digitale di Sigep 2021, dal 15 al 17 marzo.

Ovviamente, il settore apre le porte anche alla sostenibilità. Il must è offrire ai consumatori prodotti etici e “green”, e molti stanno riducendo il consumo di plastica monouso, limitando così il proprio impatto ambientale. Un approccio abbracciato sia per gli ingredienti dei gelati, che dalle aziende che riforniscono coppette, cucchiaini e cannucce, che stanno optando per materiali alternativi – spesso di origine 100% vegetale – nella propria filiera produttiva. Interessante è anche il trend che riguarda i gelati “leggerissimi”, nei quali l’aria – aggiunta in preparazione – diventa un ingrediente per creare consistenze originali e accattivanti.

Gelato: una panoramica tra pandemia e ripresa

In attesa di celebrare il Gelato Day 2021, che si terrà il 24 marzo online e in presenza, il settore tira le somme sull’anno appena trascorso. La pandemia ha plasmato i consumi anche in questo contesto, e il 2020 ha visto un aumento importante per gli ordini di gelato: secondo i dati diffusi da alcune delle principali piattaforme di food delivery in Italia, durante il primo lockdown si è registrato in Italia un incremento del 113% di ordini, complici la comodità, la facilità di acquisto e la velocità di consegna.

Il trend del delivery, affiancato dalla modalità take away, continuerà a rappresentare una delle modalità di acquisto (di gelato e non solo) preferite in questo 2021. La pandemia e la necessità del distanziamento hanno quindi cambiato il modo di consumare il gelato, trasformando anche i gelatieri in imprenditori: molti hanno iniziato a proporre nuovi servizi che fino a poco tempo prima erano impensabili, espandendo i canali di vendita e cercando di dare nuova vita al settore.

Leggi anche: Coronavirus: è boom per il “gelato delivery”; Milano e Roma le città in cui si ordina di più

In questo quadro di cambiamento ed evoluzione dei consumi, è impossibile non fare riferimento alle aziende che hanno scelto di andare incontro alle richieste di mercato ottenendo la certificazione VEGANOK per i propri prodotti.

Leggi anche:

Gelato: confezionato o artigianale, è un prodotto di punta per l’economia italiana

Caffè: quanto e come il consumo di questa bevanda ha risentito della pandemia in atto?

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

  1. Avatar

    E la svolta , iniziata da un po’ di tempo , ha preso davvero possesso nel mondo della gelateria e anche della pasticceria!
    Da vegan storica ho vissuti i primi anni con tante “ privazioni” ma abbiamo vinto perché siamo dalla parte del giusto , del rispetto e dell’amore . Adesso la ricompensa e arrivata e alla grande perché i prodotti vegsn sono i migliori , i più sani e più buoni e i più tiri ed i più rispettosi della vira dj ogni essere e del Pianeta ! GO VEGAN
    !

    Reply
  2. Sono personalmente vicino a tutte le attività del mondo del gelato e della somministrazione in generale. Mi auguro che con l’estate possano tornare ad avere una normale attività lavorativa

    Reply
  3. Avatar
    francesco basco 21 Marzo 2021, 10:14

    Un momento difficile che sono certo che la maggior parte delle aziende sapranno ripartire e utilizzare questa “pausa” per tornare ancora di più leader nel mondo.

    Reply
  4. Le nuove tendenze nel mondo del gelato confermano quello che sta avvenendo in tutto il settore alimentare, sempre più prodotti vegetali e “salutari”. Speriamo solo di poter presto mangiare un gelato con gli amici!

    Reply
  5. Avatar
    Gian Maria Cavalieri 21 Marzo 2021, 17:24

    Ormai, il gelato vegano è reperibile in qualsiasi gelateria. E non solo quello allo frutta (che non è così scontato sia vegano) ma anche con prodotti “cremosi” a dir poco eccezionali!

    Reply
  6. Avatar

    Gelati prodotti con i latti vegetali sono ottimi e molto gustosi… al giorno d’oggi, con le molteplici alternative vegetali presenti sul mercato, non esiste più alcuna necessità di utilizzo del latte vaccino.

    Reply
  7. Si e adesso con Emanuele Di Biase, Presidente della CON.FI.PE.GEL, tantissimi gelatieri stanno richiedendo i corsi presso la nuovissima VEGANOK Academy
    i gelati sono molto più buoni etici e sostenibili e accontenteranno anche il pubblico intollerante oltre a quello vegano.

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti