Acqua minerale San Benedetto: richiamo per rischio chimico

Nuova segnalazione di richiamo in tema di sicurezza alimentare diramata dal Ministero della Salute: acqua minerale contaminata da idrocarburi aromatici. Che cosa sono e perché sono nocivi.

Il Ministero della Salute ha diffuso il richiamo per “Acqua Minerale Fonte Primavera San Benedetto” prodotto dalla Gran Guizza S.p.a. nello stabilimento di Via Statale 17 a Popoli in provincia di Pescara. Marchio di identificazione dello stabilimento del produttore: 033PE1045.

I prodotti appartengono al lotto di produzione 23LKB8137E con scadenza 16/11/2019.
Si tratta di bottiglie in pet da 0,5 litri.

Motivo della segnalazione: Richiamo per rischio chimico.
Prodotto non conforme per presenza consistente di contaminanti idrocarburici prevalenza di xilene, trimetilbenzene, tuolene ed etilbenzene

La società dichiara in un comunicato stampa diffuso attraverso il sito web ufficiale:

“la decisione è stata presa a seguito dei campionamenti svolti dall’autorità sanitaria di competenza su alcune bottiglie prelevate presso un distributore automatico di bevande refrigerate che hanno rilevato una non conformità dovuta al superamento dei limiti per contaminanti idrocarburici aromatici. Come misura precauzionale, a tutela della sicurezza dei propri consumatori, la Società ha deciso di ritirare tutte le bottiglie di acqua minerale del lotto oggetto del campionamento.”

Modello di richiamo_documentazione

Che cosa sono gli Idrocarburi aromatici?

Gli idrocarburi aromatici o IPA sono composti che si formano per combustione incompleta di materiali organici. Hanno effetti negativi sull’ambiente, sulla salute umana e sugli animali. Il rischio per la salute umana e per quella dei mammiferi in generale è associato alle loro proprietà tossiche,mutagene, genotossiche, teratogene e cancerogene.

Per queste motivazioni l’US-EPA (United States Environmental Protection Agency) e la WHO (World Health Organization) hanno identificato, all’interno di questa classe, 16 composti (tra cui quelli rilevati all’interno dell’acqua minerale), definiti “inquinanti prioritari”.

Gli idrocarburi aromatici possono essere introdotti nell’organismo in diverse modalità. Benché sia stato stimato che il 75% dell’ammontare totale di IPA assimilati entra nell’organismo attraverso l’assorbimento a livello della pelle, la contaminazione degli alimenti gioca un ruolo fondamentale sul loro accumulo poiché, una volta ingeriti, vengono rapidamente assorbiti a livello gastrointestinale a causa della loro elevata liposolubilità. Anche la respirazione rappresenta una strada di accesso degli IPA nell’organismo, attraverso fuliggine o particelle presenti nell’atmosfera. Lo IARC (International Agency for Research on Cancer) li ha inseriti nelle classi 2A o 2B (probabili o possibili cancerogeni per l’uomo)

Fonte: International Agency for Research on Cancer – Codice Europeo Contro il Cancro

  1. Mi chiedo sempre quando bevo dell’acqua imbottigliata quanto bene/male stia facendo a me e all’ambiente. C’è sempre tanta riflessione da fare intorno a questo mondo. Per fortuna esistono luoghi come questo in cui si dà ampio spazio a tematiche di tutela della salute, ambientali e etiche.

    Reply
  2. Roberto Contestabile 18 giugno 2018, 12:51

    La questione “richiami alimentari” è molto attuale ed estremamente importante. Spesso non trova spazio tra le informazioni mediatiche (se non per casi eclatanti), e questo è un grave errore soprattutto se consideriamo che i suddetti avvisi allert avvengono quotidianamente da parte delle istituzioni, in casi gravi come questo citato nell’articolo ma anche dalle aziende stesse che ritengono opportuno ritirare dal mercato un determinato prodotto che non risulta perfettamente in linea con gli standard qualitativi. Infatti ogni azienda alimentare dispone di un proprio controllo qualità che lavora quotidianamente per assicurare un giusto equilibrio tra gusto e salute. A volte capita che un prodotto venga sospeso e ritirato dalle vendite per problemi legati all’etichettatura, al confezionamento o ad uno specifico ingrediente dunque incriminato e sottoposto ad ulteriori controlli. Spesso si tratta di richiami precauzionali che non pregiudicano la salubrità del cibo in questione. Altre volte però, come è accaduto di recente per “Ciauscolo di Visso (R) Ciauscolo IGP” prodotto dalla Vissana Salumi S.r.l. che l’Osservatorio VEGANOK ha giustamente riportato in un approfondimento il 6 giugno scorso, parliamo di pesanti contaminazioni batteriche ovvero le più pericolose per la salute Umana.

    In ogni caso per chi volesse informarsi sui recenti allert qui c’è il sito ufficiale del Ministero della Salute:
    http://www.quadernidellasalute.it/portale/news/p3_2_1_3.jsp?lingua=italiano&menu=notizie&p=avvisi

    Reply
  3. Si, la corretta informazione al consumatore è un aspetto importante che qui sull’Osservatorio. VEGANOK troverà sempre ampio spazio. D’altronde lo standard VEGANOK ha l’abitudine (che altre certificazioni non hanno) di segnalare ai consumatori i casi riscontrati di etichette non conformi fornendo dati sulla loro sostituzione o correzione da parte della rete distributiva. La correttezza e l’onestà sono valori importanti.

    Reply
  4. …Fa che il cibo sia la tua medicina…
    Beh parole sacre di Ippocrate , oggi con tutto il sistema industriale e tanti nuovi cibi e tanto controllo , se si vive considerando fondamentale l’informazione circa il cibo e le bevande che si consumano , davvero potremmo curarci solo con l’alimentazione
    Tutto il lavoro di controllo è alla base di questo principio .

    Reply
  5. Tommaso Riccetti 20 giugno 2018, 9:08

    Ho smesso di comprare acqua in bottiglie di plastica e vetro da quando ho letto “il miracolo del Ph alcalino”
    sto risparmiando per comprarmi la macchina ionizzatrice per il momento prendo acqua dal rubinetto e la metto in caraffa.

    Reply
  6. Io ho la macchina per depurare l’acqua, ma effettivamente non ionizza, potete suggerirmi qualche azienda che fa buoni prezzi?

    Reply
    • Buongiorno Rina,
      Come Osservatorio VEGANOK e in qualità di sito web di informazione, non riusciamo a fornire questa indicazione. Vediamo se altri lettori possono fornire qualche consiglio utile…
      Intanto la ringrazio per averci scritto. Continui a seguirci!

      Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti